IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caccia, domani si torna a sparare: la Commissione regionale approva il nuovo calendario venatorio

Regione. Adesso è ufficiale: domani si torna a sparare in Liguria. Questa mattina infatti la Commissione Regionale ha approvato il nuovo calendario venatorio che permette di riaprire la caccia già a partire da domani. Era stata la Giunta Regionale, per superare lo stop imposto dal Tar, a deliberare d’urgenza ieri un nuovo calendario transitorio che fosse in linea con i pronunciamenti del tribunale e non in contrasto con i pareri Ispra.

Il provvedimento passato ieri in Giunta, e proposto dall’assessore Briano, stamattina ha avuto l’ok della Commissione. Tirano un sospiro di sollievo tutti i cacciatori ed gli amministratori che sostenevano la loro posizione. In primis il leghista Francesco Bruzzone che aveva anche occupato l’aula del Consiglio Regionale per protesta: “La commissione consiliare permanente ha approvato, con un solo astenuto, il nuovo calendario transitorio che riapre l’attività della caccia. Esprimo grande soddisfazione per quanto ottenuto, e ringrazio il collega consigliere regionale Maurizio Torterolo, per l’impegno profuso al fine di raggiungere questo importante risultato”.

Il nuovo calendario ponte, che sarà valido fino alla fine di novembre, è stato approvato a larga maggioranza dalla commissione attività produttive del Consiglio regionale presieduta da Sergio Scibilia. Alla riunione era presente l’assessore all’Ambiente Renata Briano. Con l’approvazione del calendario viene superato lo stop all’attività venatoria imposto con sentenza dal Consiglio di Stato su richiesta di alcune associazioni ambientaliste.

Il nuovo calendario venatorio è stato approvato da tutti i gruppi rappresentati in commissione con la sola astensione dei consiglieri del gruppo Liste civiche per Biasotti presidente. I rappresentanti di Sinistra ecologia e libertà non ha partecipato al voto.

Il nuovo calendario contiene lievi modifiche rispetto al precedente impugnato: i giorni di caccia sono sempre tre alla stanziale e cinque alla migratoria, ma viene vietato l’uso di proiettili contenenti piombo (e quindi altamente inquinanti) nella caccia di selezione (che non riguarda la caccia al cinghiale) e nelle zone umide e proibita la caccia al porciglione (un uccello ormai raro).

Soddisfazione per il voto è stata espressa dal capogruppo del Pd Antonino Miceli: “Giudico molto positivo il risultato raggiunto questa mattina in commissione perché consente già domani la riapertura della caccia nella nostra regione. Ringraziamo l’assessore all’ambiente Renata Briano e tutti gli uffici che hanno lavorato senza tregua in questi giorni per ottenere questo risultato a cui abbiamo contribuito con convinzione anche noi del Pd”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Ermes
    Scritto da Ermes

    Chiedo agli animalisti qui presenti perchè in Germania i verdi hanno l’8% e da noi mi pare l’1-2% ed in Germania non rompono le scatole a chi lavora e ai cacciatori onesti e ci sono termovalorizzatori, industrie ecc. e conseguente crescita del PIL, mentre qui in Italia nulla va bene dobbiamo tornare all’età della pietra nelle caverne sempre che non diamo fastidio a orsi, lupi ecc. e nudi perchè le pellicce non vanno bene e le foglie di fico neppure?

  2. Scritto da carlitos

    Caro Ermes il brutto e’ che non sanno nemmeno cosa vuol dire caccia pensano che esci e fai delle stragi mentre invece le stragi le fanno loro con disboscamenti per ville ,pale eoliche dove sguazzano solo tangenti, boschi colline ridotte come discariche li allora LIPU WWF LAC LAV non se ne vede come mai ? solo contro cacciatori escono bello sparare sulla croce rossa ?
    Il giorno che le associazioni venatorie collaboreranno di più tra loro sarà tutto un altra storia

  3. Ermes
    Scritto da Ermes

    Carlito tanto è inutile e come ragionare con un muro, non lo smuovi hanno la testa piena dell’aria fritta che gli inculca Geo e Geo, e le associazioni WWF, LAC, LAV ecc.

  4. Scritto da cap

    Ma mi spiegate se in qualsiasi lavoro se uno sbaglia PAGA !!!!!! quí Noooo!!!!!
    Con un rapido calcolo per andare a caccia ogni cacciatore PAGA 600 con i tre giorno di caccia chiusa è stato arrecato sottratto ad ogni cacciatore circa € 30,00 per 5000 cacciatori Liguri….. CHI PAGA !!!!!!!!

  5. Scritto da charlie brown

    simpatico come la sabbia nelle mutande.