IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, agguato di gelosia davanti a Le Serre: prende a sprangate il compagno della ex, poi investe lei foto

Più informazioni su

Albenga. Accecato dalla gelosia ha assalito a colpi di spranga l’attuale compagno dell’ex moglie, poi con la propria auto ha centrato la donna che cercava di raggiungere la macchina per rifugiarsi. Il tutto è successo sotto la luce del sole, nei pressi di uno dei luoghi più frequentati di Albenga: il centro commerciale Le Serre.

La scena di violenza ha avuto luogo poco dopo le 10 nel piazzale dell’Ipercoop. Da quanto racconta uno dei testimoni, l’uomo che si è reso protagonista dell’episodio ha atteso che la coppia uscisse dalle porte della struttura commerciale, quindi ha aggredito a colpi di spranga il nuovo partner dell’ex moglie. Colpi mirati alla testa, secondo quanto emerge dalle prime informazioni. La donna, terrorizzata, è corsa via per rifugiarsi nell’abitacolo della sua vettura parcheggiata. L’assalitore, però, l’ha raggiunta con la propria auto e l’ha investita, sfasciando anche la fiancata della macchina della ex e danneggiando altri veicoli vicini.

I carabinieri al momento stanno ricostruendo l’esatta dinamica dei fatti: altri testimoni, infatti, raccontano una storia un pochino diversa, con l’aggressore che avrebbe sorpreso la coppia mentre saliva sulla vettura, avrebbe sfondato quest’ultima con la propria auto per impedire ai due di scappare e, dopo essere uscito dall’abitacolo, avrebbe colpito a sprangate prima lui e poi lei.

Ad ogni modo, le due vittime dell’agguato di gelosia (la donna, B.A., 35enne albanese, e lui D.F., italiano) sono state trasportate al pronto soccorso del Santa Corona: hanno varie contusioni sul corpo e la donna ha una frattura all’avambraccio. L’aggressore (dalle prime informazioni risulta di origine straniera) è stato raggiunto nel piazzale di regione Bagnoli dai carabinieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. quovadisdomine
    Scritto da quovadisdomine

    La notizia non e’ chiara visto che e’completamente diversa dalla versione di chi dichiara di conoscerla “dal di dentro”.
    La cosa che mi inquieta e’ che sia sceso dall’ auto con un piede di porco.
    Io un piede di porco dal vivo non l’ ho mai visto, solo sui fumetti di Topolino in mano alla Banda Bassotti.
    Cosa ci faceva con un piede di porco in auto?

  2. Scritto da Alessaba

    Antonella Rozzani il agresore si chiama Astrit Alibesi ma tu dovresti saperlo peche hai detto che gli conoscevi gia…chiedi ai carabinieri se vuoi x lui non e la prima volta che finisce nel prigione..e poi lui ha minacatto anche i suoi figli ..ha detto prima del condominio che gli avrebbe amazzato tutti se lei non ci tornava di nuovo con lui..cosi che lui scusa ma seconde me e da brucciare vivo

  3. Scritto da bollebolle

    io non conosco la storia e quindi non posso commentare dal “di dentro”.. posso solo dire che da quello che e’successo si evince di come ormai una persona che vuole commettere qualcosa di illegale non abbia piu’nessun timore e rispetto per le autorita’ tenuto presente che l’autore del gesto sapeva di avere i carabinieri a 200mt…quasi come se si fosse certi di rimanere impuniti o con una pena flebile..altro che indulto..con gli ultimi quattro soldi che ci rimangono dovremmo allargre le carceri e fare lavorare i detenuti per l’autosostentamento…che tristezza..meno male che sono in norvegia

  4. Scritto da Alessaba

    Monica Vicari si cara e il suo nome …lui e stato in galera in Grecia…ma scusa lei che c’entra lei era solo la moglie che colpa aveva..??

  5. Scritto da Monica Vicari

    Scusa ALESSABA…ma se lui era gia’ stato in galera…perchè non c’è il nome e cognome?
    Lui incolpato di traffico di donne…quindi lei non è una santa…TUTTI AL LORO PAESE