IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio si tinge di rosa per la lotta contro il tumore al seno

Alassio. Domenica 27 ottobre “Alassio si tinge di rosa”. Domenica, infatti, sarà una giornata dedicata alla lotta al tumore al seno. Una giornata speciale a sostegno della prevenzione e alla tutela delle donne che vivono o hanno vissuto questa esperienza così delicata. Ma soprattutto una giornata dedicata alla prevenzione. Il programma è stato studiato nei minimi particolari. Sono previste diverse situazioni con un unico comune denominatore “il rosa”.

Vestiti, oggetti, accessori, fiori, candele , tovaglie, tutto può essere rosa e ad Alassio anche la storica Cappelletta del porto Luca Ferrari sarà rosa, come le fontane, la gente, i turisti. Alle 18 poi, presso l’ex Chiesa Anglicana, la giornata proseguirà con un aperitivo offerto dall’Associazione Alassio Donna il cui ricavato sarà devoluto all’Airc.

Per l’occasione sarà presente un responsabile della stessa associazione. E’ prevista anche la partecipazione di due medici il ginecologo dottor Natucci e l’oncologo il professor Brema. I due specialisti illustreranno, in un loro speciale intervento, come prevenire e come curare il tumore. “Perche guarire si può”.

In piazzetta Matteotti, in pieno centro ad Alassio inoltre, sarà allestito un banchetto con omaggi rosa. Prevista anche una lezione di yoga in rosa. Per l’occasione la piazzetta sarà curata dalle volontarie alassine e colorata da due bici rosa dell’artista Granducato. Molto particolare la foto della locandina dell’evento scattata da Nicolò Puppo (Alassino d’argento).

“Ottobre è il mese della prevenzione del cancro al seno. Anche Alassio ha deciso, a modo suo, di aderire promuovendo una giornata molto particolare – spiegano l’assessore comunale alle Politiche Sociali Monica Zioni e il consigliere incaricato al Commercio Lucia Leone che hanno curato l’evento – Abbiamo invitati tutti gli alassini a tingere di rosa la città: dai negozi ai bar, ai ristoranti. Sarebbe bello vedere Alassio colorata di rosa per dare speranza alle donne, sostenere e lottare insieme per sconfiggere il cancro al seno. E allora coloriamo Alassio per un giorno di rosa e per tutta la vita anche di gioia. Ma soprattutto intervenite numerosi all’appuntamento presso l’ex chiesa Anglicana per dare il nostro prezioso contributo per sostenere con forza l’Airc un’Associazione da sempre impegnata nella lotta contro questa malattia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da smeralda

    Giusto dedicare una giornata alle donne che sono purtroppo sempre più a rischio tumori al seno, giusto parlarne perchè i sintomi quando il tumore è in atto ci sono, ci sono eccome, è una giornata preziosa per le donne in genere perchè parlarne può almeno indurre qualche donna all’autopalpazione, direi il primo, importante, efficace mezzo di prevenzione. L’altra prevenzione non serve a nulla, ma proprio a nulla e non mi riferisco ai tempi biblici, mi riferisco alla fulmineità del tumore al seno, oggi riesci a sottoporti ad un’ECG fra quattro mesi potrebbe essere in atto un tumore, quello che conta è l’autopalpazione, e sopratttutto ascoltarci, le donne devono ascoltare il proprio corpo, bisogna prestare attenzione ad una stanchezza immotivata e continuativa, allo sguardo che cambia come la grandezza del seno che cambia, ai dolori alla mammella, non dobbiamo sottovalutare alcun segnale, tantomeno la familiarità, e non credere che un’ECG all’anno possa salvarci, non è così!

  2. Scritto da mario58

    Bella iniziativa, peccato che in provincia di Savona per fare un’ecografia al seno o una mammografia, non ti danno neanche l’appuntamento,sicuramente i due relatori diranno che l’arma migliore è la prevenzione, qualcuno mi spiega come si può fare prevenzioni senza indagini diagnostiche? Ripeto non è che ti dicono appuntamento fra n mesi no proprio non te lo danno,ed allora?