IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, un aiuto cinese alle famiglie in difficoltà: collaborazione tra Comune e “Il Mandarino” per pasti gratuiti

Più informazioni su

Alassio. La “riscossa cinese” va in scena anche all’ombra del Muretto, dove il salvagente per le famiglie bisognose alassine arriva anche da chi vanta radici nella terra della crescita economica e della iper produttività.

Nella cittadina rivierasca, infatti, è nata una singolare collaborazione tra il Comune e il ristorante cinese “Il Mandarino”, che dista a pochi passi dal municipio. Una liaison capace di coniugare la filosofia anti-sprechi tipica della mentalità cinese con la domanda sempre crescente di aiuti da parte delle famiglie alassine in difficoltà. Che, ora, potranno variare la propria dieta a colpi di spaghetti di soia e pollo alle mandorle.

“Pochi mesi fa abbiamo inaugurato la sala Kaiten, quella del tapis roulant dove i nostri cibi scorrono sotto gli occhi dei clienti che possono così decidere ‘a colpo d’occhio’ cosa assaporare e cosa no: una soluzione che ha avuto un grande successo, ma che, complice l’esigenza di sostituire in continuazione i piatti mancanti con alimenti freschi, crea una super produzione con il rischio sempre maggiore di sprechi. Di qui l’idea di destinarli a una causa che ci sta molto a cuore, aiutando chi, oggi, ha difficoltà a arrivare a fine mese e fare anche solo la spesa” spiega il titolare Guo Li Xin.

“Sempre più spesso arrivano persone che ci chiedono gli avanzi della giornata – racconta l’esercente dagli occhi a mandorla – Inoltre noi cinesi diciamo che non si deve sprecare nemmeno un chicco di riso, per cui siamo felici di essere d’aiuto al prossimo. In questo modo uniamo l’utile, ossia il fatto di non dover buttare via piatti che, per quanto ottimi, non essendo più freschi di giornata, non potremmo comunque più servire, con una giusta causa”.

L’idea ha incontrato il favore del vice sindaco Monica Zioni che ha sancito questa collaborazione “internazionale”, anche se con un “ma” relativo alle modalità da adottare per distribuire il cibo fra chi ne farà richiesta.

“Si tratta di un’ottima iniziativa e ringrazio quindi il titolare del ristorante, ma vi sono ancora un po’ di aspetti da chiarire e da programmare bene – dice Zioni – Il cibo in questione, infatti, per volontà del gestore dell’esercizio commerciale, sarà consegnato a fine serata, per cui dopo le 23. Come è intuibile, si tratta di un orario poco agevole per il ritiro dei piatti, senza contare che a quell’ora le famiglie hanno già cenato”.

“Sarebbe opportuno che gli alimenti in questione venissero conservati in frigo all’interno del ristorante per essere ritirati il mattino successivo e consegnati a domicilio dal Comune, ma ciò, per aspetti legati alla conservazione dei cibi, non sarebbe possibile. Al momento l’unica opzione per chi ne avesse bisogno sarebbe quella di recarsi al ‘Mandarino’ dopo le 23 ritirando direttamente il proprio ‘menù’ per poi decidere se consumarlo subito o conservarlo a casa propria, sotto la propria responsabilità. Comunque vedremo di definire bene questi aspetti e di informare le famiglie di questa nuova e importante opportunità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cielo

    noi siamo una famiglia in difficolta grazie sig ristoratore bella idea
    ma non di solo pane………….
    eppoi alle famiglie in difficolta non dovrebbe provvedere lo stato comuni ecc perche sempre i privati debbono sopperire le ns tasse dove vanno?!

  2. Scritto da chedire

    Bravi, questa è una bella cosa che andrebbe emulata. Non si tratta di avanzi, ma di CIBO che è assolutamente vergognoso venga buttato via, quando può sfamare persone in difficoltà. Certo, è assurdo che ci abbiano portato a questi punti, nessuno dovrebbe avere problemi così grandi da non riuscire addirittura a mangiare, ma tant’è… Per fortuna c’è gente solidale!

  3. Scritto da cipinox

    Anni fa alla Caritas c’erano gli italiani che distribuivano pasti caldi agli stranieri,ora sono gli stranieri a distribuire pasti! Be direi che abbiamo fatto un buon lavoro in questi anni!
    Abbiamo perso un sacco di cose in questi anni per colpa di politiche sbagliate ma, una sola cosa non dobbiamo assolutamente perdere:
    LA DIGNITÀ

  4. Scritto da a.m

    fate un menù a prezzo fisso come tanti altri che si mangia quanto si vuole non che paghi a secondo del colore del piatto

  5. Beppe Dellepiane
    Scritto da Beppe Dellepiane

    Bella iniziativa da una delle due comunità (l’altra è quella bengalese) che, sul territorio italiano, NON creano mai problemi (o comunque li creano ma molto molto limitatamente). . .