IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scuola Alassio, novità per servizio mensa e scuolabus

Alassio. Col suono della campanella arrivano due importante novità per gli alunni di Alassio e le loro famiglie. L’assessorato alle Politiche Sociali, guidato dal vice sindaco Monica Zioni, per il servizio mensa ha introdotto nuove agevolazioni tariffarie per nuclei familiari, residenti, con tre e più figli iscritti, applicando un’ulteriore riduzione del 50% sulla tariffa agevolata riconosciuta, dell’utente più giovane, dal terzo in poi, mentre per il trasporto “scuolabus” la possibilità di dilazione della somma per il servizio per quelle famiglie con tre e più figli, appartenenti allo stesso nucleo familiare. Tutto questo dopo che sarà presentata una domanda agli uffici del Comune.

Si potrà quindi pagare il servizio in quattro rate entro e non oltre però il 15 maggio 2014. Dell’abbonamento del trasporto possono avvalersi anche gli alunni abitanti nelle frazioni che per raggiungere la scuola utilizzano pullman di linea (valido esclusivamente per l’orario di entrata e di uscita della scuola). Periodicamente i controllori incaricati ( TPL – Accompagnatori scuolabus – Personale dell’Assessorato) richiederanno in visione il tesserino. A partire dal 21 ottobre non potranno essere accolti sugli scuolabus bambini che non hanno effettuato il pagamento 180 euro annue – presupposto alla copertura assicurativa del trasporto.

Per quanto riguarda la refezione scolastica il servizio sarà strutturato secondo il calendario di scelta dell’amministrazione scolastica. La vendita dei buoni mensa, per residenti e non residenti, inizierà a partire dal 17 settembre presso la Banca “Carige”, Tesoreria Comunale, in via Mazzini, 2. La vendita seguirà gli orari di sportello bancario al pubblico. Non si potranno acquistare frazioni inferiori di 10 buoni, cioè un blocchetto. Al termine dell’anno scolastico e più precisamente dal 1 al 31 luglio 2014 sarà possibile il rimborso dei buoni mensa non utilizzati presentandoli all’ufficio dell’Assessorato alla Attività Educativa e Diritto allo Studio.

E’ prevista la possibilità da parte delle famiglie residenti interessate di poter usufruire della riduzione tariffaria sul costo dei buoni pasto qualora sussistano i requisiti previsti dalle disposizioni di legge e regolamentari (ISEE inferiore a 10.000 euro).

“Abbiamo introdotto queste novità sul trasporto dei bambini e sulla mensa per andare incontro alle famiglie in stato di disagio economico – ha spiegato l’assessore alle Politiche Sociali e Monica Zioni – Si tratta di una scelta politica che riteniamo importante in un momento di crisi e di contenimento delle spese per le famiglie. Tra l’altro abbiamo anche lasciato invariate le tariffe sia della mensa che quella dei trasporti. Tutto questo è la dimostrazione dell’impegno e dell’attenzione costante che l’amministrazione comunale rivolge alle famiglie”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.