IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mammografie ed ecografie mammarie, odg di Roberta Gasco: “Liste d’attesa interminabili”

Regione. Oggi in consiglio regionale il consigliere Roberta Gasco ha presentato un ordine del giorno, che è stato approvato all’unanimità, per sensibilizzare l’intero consiglio e cercare di risolvere tempestivamente il gravissimo problema delle interminabili liste d’attesa dell’Asl 2 per effettuare mammografie ed ecografie mammarie.

“In Provincia di Savona e comunque in tutta la regione Liguria – spiega la consigliera Gasco – per riuscire ad avere un appuntamento e sottoporsi ad una mammografia o ad un’ecografia mammaria le pazienti devono attendere mesi se non un anno intero. Tutto questo è inaccettabile, considerato che a livello nazionale sono anni che si moltiplicano gli sforzi per sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sulla vitale importanza della prevenzione e della diagnosi precoce del carcinoma al seno”.

“Sono soddisfatta – prosegue Roberta Gasco – che il documento che ho promosso sia stato votato all’unanimità. Certo è che dalle parole bisogna passare ai fatti concreti. Ottobre è il mese ‘rosa’ dedicato alla prevenzione del tumore al seno. Le donne sono invitate a sottoporsi ai due esami basilari per diagnosticare eventuali carcinomi. La domanda, alla luce dei dati allarmanti delle liste d’attesa lunghissime, è che cosa l’Ente regionale intenda fare per offrire l’opportunità a tutte le donne liguri di usufruire di questi indispensabili strumenti sanitari”.

Conclude la Gasco: “La riflessione, quindi, è su come si possano aiutare le donne a tutelare la propria salute se non si fa della prevenzione, soprattutto quella legata al carcinoma mammario alla luce dei dati allarmanti delle liste d’attesa, una priorità dell’agenda politica degli Enti locali e della Regione Liguria in particolare, visto che ha il compito di gestire la sanità del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vic

    L’altra mezza giornata le stesse apparecchiature con gli stessi medici vengono utilizzate per prestazioni intramoenia, cioe’ a pagamento !!!!

  2. Scritto da GM

    Iniziamo a fare lavorare i macchinari 24/24 h, è uno scandalo trovare attrezzature utilizzate mezza giornata e dover aspettare mesi per un esame diagnostico di qualunque tipo. Perché in Piemonte una risonanza me la fanno in pochi giorni e l’esito me lo danno dopo poche ore???? (vedi ospedale di Casale M.). Finiamola con questo politichese dove si parla perché si ha la lingua in bocca, ma in pratica non si fa nulla!!!