IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il caso Tirreno Power arriva in Parlamento, interrogazione dei grillini: “L’AIA non rispetta la normativa”

Vado L. I deputati liguri del MoVimento 5 Stelle hanno depositato alla Camera un’interrogazione, a prima firma Matteo Mantero, sulla centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure. Lo scopo dell’interrogazione è ottenere una risposta dal Governo in merito all’Autorizzazione Integrata Ambientale “concessa, in palese violazione della normativa, alla centrale Tirreno Power di Vado Ligure, nonostante il superamento dei valori emissivi massimi previsti”.

“L’Autorizzazione Integrata Ambientale deve prevedere valori limite di emissione di sostanze inquinanti, sulla base delle migliori tecnologie disponibili ed indicati chiaramente dalle Linee Guida Europee – dichiarano i deputati liguri del M5S – Al contrario, l’AIA concessa dal Ministero a Tirreno Power, prevede valori compresi tra un minimo di 2 volte, fino ad un massimo di addirittura 17 volte rispetto ai limiti massimi previsti dalle migliori tecnologie disponibili, ponendosi quindi in palese violazione della normativa”.

“Stiamo parlando di un impianto situato in ambito urbano, in prossimità di aree residenziali, che brucia più di 4.000 tonnellate di carbone al giorno ed ha consumato nel 2011 circa 1,4 milioni di tonnellate del combustibile fossile in assoluto più inquinante, capace di effetti devastanti sulla salute pubblica”.

“Riteniamo doveroso venga applicato il ‘principio di precauzione’, che ponendosi a priori del principio di prevenzione, risulta maggiormente cautelativo e consente un approccio basato sulla definizione di limiti emissivi ancor più restrittivi, volti a prevenire la possibilità di rischi per le persone e l’ambiente, indipendentemente dal fatto che vi siano già limiti e parametri definiti per legge” aggiungono i deputati grillini.

“Ai molti amministratori, evidentemente in malafede, che nel corso degli anni hanno tradito la fiducia dei cittadini, fingendo di non vedere e di non sapere, ricordiamo che l’Agenzia Europea per l’Ambiente, solo per l’anno 2009, ha stimato i ‘costi esterni’ della centrale Tirreno Power in una cifra compresa tra 169 e 248 milioni di euro, originata
dall’impatto degli inquinanti sull’agricoltura, sull’ambiente e sul sistema sanitario nazionale, sul quale pesano i casi di mortalità in eccesso, di ricoveri ospedalieri, di cronicizzazioni”.

“Oggi, amministratori quali l’assessore regionale all’ambiente Briano, membro della giunta regionale che ha autorizzato l’ampliamento della centrale, insultano l’intelligenza dei cittadini con proclami del tipo ‘abbiamo tutti l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo’…Con la salute di un territorio non si può scherzare’. A tutti loro non possiamo che fare i nostri auguri per gli sviluppi dell’inchiesta della Procura sulle evidenti responsabilità delle autorità politiche e amministrative della Regione Liguria, delle varie amministrazioni comunali e provinciali, senza dimenticare quelle, gravissime, degli organismi di controllo” concludono i grillini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    E già, l’anidride solforosa otlre che al sistema respiratorio colpisce anche il sistema neurovegetativo: @Maio, bulicci ce ne sono tanti ma tu in particolare usi il culo degli altri: anzi, lo lecchi alla Tirreno Power e ti diventa pure la lingua nera come il carbone.

  2. gianni maio
    Scritto da gianni maio

    ahahahahaah el rey….ahahahaha tutti buliccci col culo degli altri!!!!! ahahahahah

  3. Scritto da El Rey del Mundo

    @Prof. Maio; ci inchiniamo alla Sua infinita saccenza, la filosofia che traspare da lei è lungimirante. Certo è che la funziona “copia e incolla” è stata una grandisisma invenzione informatica.
    E non si dimentichi, illustre Professore, di respirare bene e profondamente quando si reca al lavoro; vedrà che quando maturerà la pensione e anche dopo sarà fresco come un fiore appena sbocciato.
    Distinti saluti.

  4. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    C’e qualcosa che non torna. Se la sono presa con la centrale che da 10 anni ovvero da quando c’e Tirreno Power (quando c’era Enel tutto bene madama la marchese con il 92% di emissioni in piu di quelle di oggi) e’ controllata un giorno di e uno pure ma delle aziende e discariche vicino nessuno fiata. Mah….sono persino riusciti a incolpare Tirreno del benzene quando sanno anche i sassi che la combustione del carbone non produce benzene. Eppure tutti a indicare il pulisci coscienze Tirreno così almeno gli altri sono a posto. Mah…

  5. gianni maio
    Scritto da gianni maio

    Chi confessa la propria ignoranza la mostra una volta, chi non la confessa, la mostra infinite volte.
    Anonimo
    ahahahhhah