IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Baseball Club Cairese: con il mese di settembre si chiuderà una stagione eccezionale

Cairo Montenotte. Con l’arrivo di settembre si sta per concludere la stagione 2013. Si arriva al mese decisivo; questo settembre però ha un sapore particolare: giunge alla fine di una stagione eccezionale per il Baseball Club Cairese, che proviamo a riassumere, partendo dal periodo economicamente difficile che ha condizionato in maniera pesante le realtà degli sport “di nicchia”.

Una crisi diffusa che però ha inciso meno del previsto sulle prestazioni reali di quest’annata, ricca di emozioni e di soddisfazioni in casa biancorossa e che ha allontanato almeno un po’ le perplessità invernali, quando la stagione deve ancora cominciare e le decisioni da prendere sono difficili.

Ma iniziamo dai più piccoli. Il vivaio biancorosso continua a lavorare bene e per il sesto anno consecutivo si qualifica per le finali nazionali di categoria, un successo che ripaga la fatica spesa per far crescere i giovanissimi ed introdurli in un contesto del batti e corri di livello decisamente alto. Tra queste fatiche c’è stato il trofeo “Cairo, città europea dello sport”, organizzato sul diamante di via XXV aprile proprio in vista delle finali nazionali e che è stato vinto da una società storica del baseball italiano come l’Oltretorrente Parma.

I successi non finiscono qui. Luca Baisi è stato convocato in nazionale nella categoria Cadetti e ha detto la sua in un contesto internazionale. Questo è motivo di orgoglio per la società valbormidese, visto che si parla di un ragazzo cresciuto nelle giovanili biancorosse.

Proprio queste giovanili hanno ottenuto buoni risultati durante l’estate. Su tutti il secondo posto al torneo di Vercelli con la categoria Cadetti, dopo aver perso la finale per il titolo al termine di una partita equilibratissima. Da segnalare inoltre il terzo posto alle Tuscany Series ad Arezzo con la categoria Under 21: nel torneo più importante d’Italia per quella fascia d’età solo la differenza punti ha impedito ai cairesi di giocarsi la finalissima, nonostante il girone di ferro che alla vigilia impressionava i ragazzi di Pascoli.

Basterebbe questo bilancio per concludere la stagione e averne un ricordo più che positivo, però manca ancora il risultato di eccellenza. La prima squadra (nella foto) ha vinto il campionato di Serie B, dopo una stagione incredibile, con una sola sconfitta, ed ha centrato un risultato impensabile che rappresenta il punto più alto toccato nella storia del Baseball Club Cairese.

Lo ha fatto con una squadra giovane, con ragazzi quasi tutti del vivaio. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, ha centrato la final four di Coppa Italia. Settembre ci darà le indicazioni sul futuro dei biancorossi, che saranno impegnati su entrambi i fronti, sia nei playoff per la Serie A sia con la “final four di Coppa Italia.

Manca ancora poco per capire se questa stagione già eccezionale avrà materiale per diventare indimenticabile per la Cairese. Per questo c’è settembre, che è la fine dell’estate, ma che potrebbe essere l’inizio della storia… quella con la “S” maiuscola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.