IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Travolge con il Suv uno scooter e scappa: 1 anno di reclusione, patente sospesa per 18 mesi

Ceriale. Un anno di reclusione (con la sospensione condizionale) e 18 mesi senza la patente. Questa la pena patteggiata dal 33enne macedone, Vancho Cvetkovski, che, al volante di un Suv, ha investito una coppia in scooter sulla strada Romana di Ceriale. Tenuto in cella di sicurezza dalla polizia municipale ceriale, l’uomo questa mattina è comparso in tribunale per la direttissima, accusato di omissione di soccorso e fuga.

Il pirata della strada è stato bloccato sull’autostrada A10, all’altezza di Spotorno, dopo l’incidente. A terra è finita una coppia di Loano; lei (Mariangela S.) ha riportato ferite gravi ad una gamba, lui traumi più lievi. Il conducente del veicolo, un Bmw X3, ha proseguito la corsa nonostante l’accaduto. Chi l’ha notato scappare ha raccontato di averlo visto fare sorpassi azzardati già sulla strada Romana di Ceriale.

Ben diversa la versione fornita questa mattina dall’uomo, difeso dall’avvocato Marco Iovino, che ha spiegato la sua versione dei fatti. “Ho sentito un colpo, ma ho visto lo scooter proseguire la corsa. Mio figlio in macchina piangeva ed io lì per lì non mi sono accorto della gravità e ho proseguito. Imboccata l’autostrada il mio bambino continuava a piangere e ci siamo fermati per prendere l’acqua. A quel punto ho visto il fanale rotto e del sangue sull’auto e ho capito la gravità di quanto successo. Stavo per tornare indietro, ma è arrivata la polizia”.

Insomma l’automobilista, pur ammettendo di non essersi fermato, si è giustificato spiegando di non aver compreso subito la gravità dell’incidente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mrscultz

    Ma perchè, secondo voi quello la racconta giusta? Stava per tornare indietro? E va bene così, facciamoci pigliare per i fondelli pure dai macedoni…intanto ormai siamo abituati…che vergogna!!

  2. Scritto da pensierolibero

    Tutta sta feccia che alcuni amano .Poi sparlano di nord e sud. Questa gente sono i veri problemi. Come gli zingari ,con auto di lusso, sempre sigh sigh e i soldi li fanno riparando pentole. Che bravi….anchio voglio comperarmi il mercedes riparando pentole.Forse svaligiando anche qualche alloggio.O forse solo svaligiando l’alloggio. Ricordate che chi li vuole li puo’ portare in casa propia.Poi saranno riconpensati nell’Aldilà

  3. Scritto da pensierolibero

    Cosa serve la condizionale!! A Farlo uscire di galera subito. E il ritiro della patente…Andra’ senza

  4. Scritto da lavocedellaverita

    Sempre i soliti mal pensanti…. Ma stava tornando indietro…. Poverino… Poi i macedoni e gli stranieri in genere sono rinomati x le loro doti di guida e sopratutto x l’alto senso di civiltà’…..

  5. Demis
    Scritto da Demis

    Condivido il pensiero di Alberto, ritiro immediato e permanente della patente. Gli incidenti possono capitare ma fuggire dalle proprie responsabilità e’ da codardi e incivili. Forse in Macedonia funziona così, ma in Italia questi atti non possono e non devono essere tollerati.