IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tares per la seconda casa, polemiche a Celle Ligure. Il sindaco: “Calcolo inevitabile, nessuna mazzata”

Polemiche a Celle Ligure per la mazzata sulla Tares per la seconda casa, che incide in maniera forte sulle entrate del Comune. Per coloro che spesso usufruiscono del secondo alloggio al mare magari da soli, o al massimo con un familiare quanto stabilito dall’amministrazione comunale non è piaciuto: “Il Comune di Celle ha stabilito che 4 sia il numero di persone sul quale conteggiare la Tares per la seconda casa. Provvedimento che ritengo iniquo e scorretto: personalmente sono sola ed occupo un alloggio di 50 mq, ma pagherò per 4 persone. Vorrei fosse dato risalto a questa esosità senza limiti” afferma la signora Annamaria Fidone.

“Ogni comune, come prevede la legge, ha stabilito un numero di persone sulla seconda casa sulla quale conteggiare la Tares – spiega il sindaco Renato Zunino -. Ci siamo dovuti affidare alla normativa nazionale in relazione ad un calcolo equilibrato per tassa sui rifiuti, che non mi pare sia così elevata rispetto ad un possibile altro conteggio. Non bisogna dimenticare che a livello generale le seconde case, specie in un Comune come Celle, incidono sui costi di smaltimento della nettezza urbana…”.

“Tuttavia, dal prossimo anno, con la nuova tassa sui servizi potrebbe di nuovo cambiare tutto…E’ chiaro che la protesta del singola signora può essere legittima, ma è altrettanto vero che il calcolo con 1-2 persone non sarebbe stato possibile, così come è giusto evidenziare che Celle mantiene l’Imu sulla seconda casa tra le più basse” conclude il primo cittadino cellese.

“Ho saputo che il criterio per stabilire il numero delle persone sul quale conteggiare la Tares sono i mq dell’immobile: nel mio caso, per un alloggio di 50 mq, si prevedono 2 persone. A Celle, il numero di 4 persone non si sa su quale criterio si basi: neanche un rigo di informazione motivazione del provvedimento sulla comunicazione di pagamento…” aggiunge ancora la signora Fidone.

“Ovviamente le seconde case incidono sui costi dello smaltimento dei rifiuti: credo che la precedente Tarsu servisse proprio a questo…” conclude la signora.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da AnnFid

    Vorrei precisare che il criterio per stabilire quante persone per il conteggio della Tares in base ai mq dell’ appartamento è stato adottato dal COMUNE DI VARAZZE. Questo per sottolineare che si poteva decidere diversamente ed in modo più equo anche nel Comune di Celle. Annamaria Fidone

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    È se ci si decidesse a far pagare in base alla quantità di rifiuti ,,,,
    .
    Certo non ne siamo capaci …è difficile …. Bisogna saper leggere e far di conto …. È come si fà?
    .
    Si potrebbe chiedere a qualche svizzero …. Mia nonna è morta nel 63 …. e mi spiegava che … nei Grigioni … Si pagava in base ai rifiuti consegnati ….
    .
    Magari non è tanto difficoltoso.