IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Naufraghi soccorsi al largo di Bergeggi

Bergeggi. Intorno alle 19,30 di ieri la sala operativa della Capitaneria di Porto di Savona ha ricevuto segnalazione da parte del conduttore di un gozzo da pesca in transito della presenza di due persone in acqua aggrappate ad un salvagente anulare a circa due miglia di distanza dal faro di Bergeggi.

Mentre il pescatore si dirigeva verso i naufraghi e li recuperava a bordo della propria unita’, è stato disposto l’invio in zona della dipendente motovedetta CP 863 che ha raggiunto il gozzo da pesca e ha recuperato le persone soccorse per riportarle più rapidamente a Savona. I due naufraghi, pur essendo rimasti, a loro dire, tre ore in mare, non lamentavano gravi problemi di salute.

Hanno inoltre raccontato che uno dei due si era tuffato da una piccola unita’ da diporto per fare il bagno e, sentendosi male, aveva chiesto soccorso al secondo, che si era a sua volta tuffato per recuperarlo; la barca pero’ aveva iniziato ad allontanarsi per la corrente e i due naufraghi non avevano potuto fare altro che aggrapparsi ad un salvagente anulare e confidare nei soccorsi. Si sono resi conto conto di aver avuto una considerevole dose di fortuna…

La sala operativa ha concordato comunque con il servizio 118 l’intervento sanitario in banchina al rientro della motovedetta. Nel tragitto di rientro la CP 863 si è imbattuta nell’unita’ da diporto dei due naufraghi, un semicabinato di circa cinque metri, con motore fuoribordo spento, e l’ha recuperata rimorchiandola sino al porto di Savona. Alle ore 20,40 la motovedetta ha raggiunto la banchina della Capitaneria e le persone soccorse – due fratelli originari della provincia di Mantova, residenti a Biella – sono stati visitati dal medico di guardia del servizio 118, che non ha riscontrato alcun problema particolare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mrscultz

    Altri due bei “lupi di mare”. Per me, oltre alla “considerevole dose di fortuna” (come specificato nell’articolo) hanno avuto una dose ancor più grande di imbecillità…queste persone non hanno capito e non capiranno mai che andar per mare non è come andare in autostrada: non ci sono le piazzole di sosta, gli autogrill e le colonnine SOS…se ti getti in mare e lasci la barca ingovernata quella se ne va, mica sta li ad aspettarti…ah già, è vero, sono mantovani e la patente nautica l’avranno presa per corrispondenza…

  2. ThinkyWinky
    Scritto da ThinkyWinky

    Ahahahahahah, due geni! Se non lo sapete, esiste un utilissimo marchingegno in dotazione di serie a tutte le unità da diporto che, in queste situazioni, può tornare davvero utile: si chiama àncora. Ma che testa…