IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Lega incalza sui rapporti Regione-Enpa. Montaldo: “Verrà cancellata da elenco associazioni di volontariato”

Regione. E’ stata discussa questa mattina, nella seduta del Consiglio Regionale, l’interrogazione presentata dal gruppo Lega Nord sulla rappresentanza genovese e ligure dell’Associazione ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) e sui rapporti con la Regione Liguria.

L’interrogazione con risposta immediata, presentata dal capogruppo Francesco Bruzzone e firmata dai consiglieri Edoardo Rixi e Maurizio Torterolo, chiedeva al presidente Burlando e alla Giunta di conoscere, nel dettaglio, tutti i rapporti che l’ente regionale ha avuto, o ha tuttora, con l’ENPA genovese e ligure, sia diretti che attraverso la partecipazione a commissioni e/o comitati di genere.

“Senza attaccare i nobili intenti dell’ENPA, chiedo di fare chiarezza. Si sono apprese notizie relative alla gestione della rappresentanza genovese e ligure dell’Associazione ENPA, Ente Nazionale Protezione Animali, dalle quali emerge che tale realtà associativa risulti essere commissariata, in quanto, a seguito di un esposto formulato da un membro del collegio di revisione dei conti, la gestione economica e finanziaria sembra essere per lo meno ‘disinvolta’ e lontana dalle finalità statutarie dell’associazione. Dal momento che tale associazione usa beneficiare di fondi e finanziamenti pubblici, spesso finalizzati al recupero e alla cura degli animali feriti o alla gestione di strutture per l’assistenza degli animali, ci sembra opportuno approfondire la questione”, ha notato Francesco Bruzzone, capogruppo Lega Nord nel Consiglio Regionale della Liguria.

Per la Giunta Regionale, ha risposto il vice presidente e assessore alla Sanità Claudio Montaldo, che ha dichiarato che la Regione Liguria, per quanto concerne gli aspetti di tipo sanitario, non ha nessun rapporto diretto con le associazioni di protezione animali, di conseguenza, quindi, nemmeno con l’ENPA.

“Nell’ambito dell’Osservatorio permanente per lo studio del controllo e delle popolazioni animali, rinnovato nel 2011, sono stati designati i rappresentanti di tutte le associazioni a carattere nazionale, tra cui anche un rappresentante ENPA”, ha ricordato Montaldo. “Per quel che riguarda l’utilizzo di fondi regionali, le risorse vengono assegnate ai Comuni cui fanno capo i progetti, sia quelli gestiti direttamente, sia quelli gestiti dai Comuni in collaborazione con l’Associazione. Alla Regione, quindi, spetta semplicemente di provvedere all’impegno e alla liquidazione delle somme richieste dai Comuni interessati”, ha proseguito. La Regione, ha notato l’assessore, sta “facendo fare una verifica”, proprio alla luce delle cose accadute e ricordate dalla Lega Nord, “di tutte le risorse assegnate nell’ambito di un tempo ragionevole per verificare che almeno dal punto di vista procedurale sia tutto a posto e quindi tutte le somme corrisposte siano state preventivamente validate dalle A.S.L. e congruite nella loro entità”. “Le darò naturalmente conto, visto il suo interesse, giustamente aggiungo, per tale questione”, ha risposto il vice presidente della Regione al consigliere Bruzzone.

“Infine, per quel che riguarda l’ENPA, la collega Rambaudi, cui fa capo il registro delle associazioni di volontariato, mi comunica che è stato avviato un procedimento per la cancellazione di ENPA a Genova, Savona e Imperia in quanto non sono organismi dotati di autonomia giuridica e amministrativa – non dispongono di codice fiscale – ma sono soltanto articolazioni territoriali dell’Ente nazionale. Quindi, verranno cancellate dalle associazioni. Stiamo compiendo una revisione su tutto il tema dell’associazionismo a seguito della legge recentemente approvata in Consiglio regionale, ragion per cui queste tre sezioni dell’ENPA saranno cancellate dal nostro elenco delle associazioni di volontariato”, ha concluso Claudio Montaldo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Ma quante sono queste benedette ONLUS ? Nel tempo sono venuto in contatto con alcune che solo un cieco poteva non scambiare per associazioni a delinquere = rubare. Altro che mangerie…poi aumentano le tasse, redditometro, blitz della finanza, sondini nel culo….a loro bisognerebbe metterli.

  2. folgore
    Scritto da folgore

    Concordo con @IronMan, sarebbe ora di fare un bel controllo innanzi tutto su tutte le associazioni cosiddette “ONLUS” dalle PA vere a quelle presunte, da quelle che organizzano eventi a quelle che steccano le alucce agli animali…
    In un momento come questo sarebbe ora di smetterla di cercare di fare soldi sulle spalle della gente che sta male o sprecarli curando le zampe del gabbiano, quando la gente manco arriva a fine mese.

  3. IronMan
    Scritto da IronMan

    . . .speriamo che vengano cancellate anche le Pubbliche Assistenze “furbette”, che da un lato dicono di chiamarsi ONLUS, ma dall’altro sono delle vere e proprie “associazioni private a fine di lucro” . .