IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Karate: savonesi alla ribalta ai World Master Games: sei medaglie

Più informazioni su

Savona. A Torino e in altre località del Piemonte si stanno svolgendo i World Master Games, ovvero i campionati del mondo riservati ad atleti “master” (sopra i 35 anni per la maggior parte degli sport) che si contendono titoli e medaglie in oltre trenta differenti discipline.

Le competizioni di quest’anno vedono impegnati nella bellissima cornice piemontese oltre 18 mila atleti accreditati, provenienti da 108 nazioni.

Il palazzetto dello sport di Alba ha ospitato lunedì 5 e martedì 6 gli atleti che si sono sfidati nella disciplina del karate; fra gli oltre 200 iscritti provenienti da Italia, Canada, Croazia, Danimarca, Repubblica Dominicana, Finlandia, Germania, India, Paesi Bassi, Slovacchia, Slovenia, Svezia, Uganda e Inghilterra, figuravano anche sette savonesi, motivati e determinati alla conquista di un podio iridato.

Dopo una dura estate di preparazione atletica e tecnica, lunedì 5 agosto sono scesi sul tatami i “ragazzi”, fornendo una straordinaria prestazione: cinque su sei hanno addirittura centrato il sogno di una medaglia iridata.

Solo Franco Quaglia, portacolori della società Karate Club Savona, nella categoria 50+ (kg 84) ha sfiorato quel podio sicuramente a lui accessibile classificandosi al quinto posto. Con grande rammarico asserisce il maestro Quaglia: “Se non avessi subito, nel primo incontro, quel brutto infortunio avrei sicuramento potuto giocarmi l’accesso alla finale”. Il maestro savonese ha infatti dovuto dopo un durissimo primo incontro ricorrere all’aiuto dei medici per suturare la ferita sopra all’occhio con quattro punti.

Obiettivi centrati invece con buona performance e qualche rammarico per Paolo Noceto, nella categoria più giovane Master 45+ (kg 75) e per Andrea Sanfilippo Master 55+ (kg 67), il più anziano anagraficamente della compagine ligure ma il più giovane per esperienza di gare. Il primo ha ceduto il passo di misura nella finale di poule all’avversario piemontese che già ai campionati nazionali si era aggiudicato il titolo italiano.

Le due medaglie più belle (titolo iridato e gradino del podio più alto) sono invece state conquistate da Ferruccio Abrate Master 35+ (kg 60) e Fabio Sanfilippo Master 50+ (kg 67). Infine, Ireneo Vermiglio della Fratellanza Savonese ha partecipato alla categoria Master 55+ (kg +84) conquistando la medaglia d’argento, perdendo l’incontro con la sua “bestia nera” il veneto Formenton.

Fondamentale il ruolo della campionessa Raffaella Carlini che, nella sua veste di “coach” della squadra ligure, ha saputo da bordo tappeto trasmettere la sua esperienza da agonista e sostenere i compagni di squadra.

Martedì 6 agosto sono scese in campo le signore; la compagine ligure schiera una sola atleta, la stessa Raffaella Carlini, Master 35+ (kg 55), molto motivata alla ricerca di un’ennesima affermazione a consacrazione di un’eccezionale carriera agonistica.

Nonostante tensione ed aspettative alle stelle per tutti, atleta, maestri, famiglia e numerosi tifosi arrivati a sostenere l’atleta ligure, l’incontro di finale è molto combattuto ed emozionante. Raffaella si trova di fronte la forte atleta piemontese Enza Paparella che, con ottima tecnica e grande preparazione, mette in difficoltà la campionessa savonese, costringendola ad una emozionante rimonta che la porta a soli 7 secondi dalla fine dell’incontro a vincere per 6 a 4 un incontro che la vedeva ad un certo punto soccombere per 4 a 1. Una medaglia d’oro sudata, conquistata con la classe la grinta e la determinazione che hanno sempre accompagnato Raffaella durante la sua interminabile carriera.

Parole di elogio per un traguardo così prestigioso sono state rivolte dal delegato Coni Fijlkam maestro Fiorenzo Zucconi, presente ad entrambe le giornate di Alba, a tutti i partecipanti. Zucconi ha invitato, come da disposizioni federali, tutte le società a promuovere all’interno delle proprie strutture l’attività amatoriale, al fine di poter preparare un numeroso gruppo di atleti in previsione degli Europei in programma a Nizza nel 2015.

I medagliati hanno rivolto un caloroso ringraziamento agli atleti di alto profilo agonistico messi a disposizione dal maestro Massimo Fassio, tecnico regionale, che hanno sacrificato le loro vacanze estive permettendo agli atleti Master di allenarsi adeguatamente e all’istruttore Enrico Bernat per aver curato la loro preparazione atletica durante tutto il 2013.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.