IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Mallare a Pallare: scoperta altra mini-piantagione di marijuana

Pallare. Da Mallare a Pallare. Cambia una consonante ma i protagonisti sono sempre gli stessi: un giardino “sui generis” e piantine che crescono nella speranza che fruttino un facile bottino.

Dopo la decina di esemplari di ieri, i carabinieri della stazione di Carcare hanno individuato sette piante di marijuana pronte a fiorire all’interno di una proprietà. Ad aprire loro il cancello, è stato un ventenne che, alla vista dei militari, ha iniziato a balbettare.

Il controllo era volto a prevenire eventuali reati che, in particolare d’estate, aumentano in modo esponenziale (furti in abitazione in primis) ma, tra una domanda e l’altra, e una risposta nervosa e l’altra, i carabinieri hanno notato l’insolita piantagione, smascherando il giovane “coltivatore”. In più nella sua abitazione sono stati sequestrati 100 grammi di marijuana sfusa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. birell79
    Scritto da birell79

    Bravo carabiniere ! Quando incominci a lavorare davvero ?

  2. birell79
    Scritto da birell79

    Balbettare? Vent’anni? Quanta fantasia ragazzi !!! A colpo sicuro son andati!! Lui delinquente ? Preferisco i ragazzi come lui che i mille stranieri che in Italia fan che cazzo voglio e va bene così !!! Non ho parole !!!

  3. Scritto da notorious

    Facile bottino per i prodi cc.
    Sempre a vedere il lucro, vero?

  4. Bilù
    Scritto da Bilù

    orgoglOOOni eh???belin che colpaccio