IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Condanna Berlusconi, proposta di un parroco genovese: “Non andare da Ciangherotti, vieni tra gli ultimi”

Da Albenga a Genova c’è chi si contende Silvio Berlusconi. Primo tra tutti, neanche a dirlo, l’eclettico assessore ingauno Eraldo Ciangherotti, che ha fatto sapere che l’assessorato ai servizi sociali di Albenga è disponibile ad accogliere il leader del Pdl per il cosiddetto affidamento in prova conseguente alla condanna in Cassazione.

Una proposta che è arrivata anche nel capoluogo ligure e, in particolare, alle orecchie del parroco di Sturla ed ex parroco di Cornigliano, Don Valentino Porcile, che ha invitato l’ex premier a rifiutare la proposta all'”acqua di rose” di Ciangherotti prestando invece servizio a vantaggio della comunità del levante genovese e davvero tra gli ultimi.

Ecco il testo integrale della lettera scritta dal sacerdote: “Caro Silvio, ho letto l’invito dell’Assessore di Albenga che ti offre di fare qualche ora di servizi socialmente utili. Vieni a scontare la pena da me, invece? Ti faccio io un bel programmino di servizi socialmente utili. Ti faccio fare un anno di continui giri, non qualche ora al giorno come dice l’Assessore, ma per dieci ore al giorno, a vedere le vere povertà. A scoprire come sta davvero una famiglia che non arriva a fine mese. A vedere chi è un tossicodipendente. A vedere come sta una prostituta che arriva in Italia menata di botte e costretta a vendersi sulla strada. A vedere come vivono gli zingari che tu dici all’Europa di fartene carico per avere i finanziamenti, e che poi vengono abbandonati a se stessi. Ci facciamo un bel giro alla sera a portare un panino a chi dorme per strada. Vieni a vedere cosa sta provocando il taglio ai servizi sociali alle fasce deboli del nostro paese. Vieni Silvio, e ti porto dagli anziani che non hanno nessuno in casa che gli faccia la spesa”.

“Ti faccio parlare io con le famiglie che a Genova si trovano a dover pagare quasi il 6 per cento sulla prima casa. Ti faccio parlare con le piccole imprese strozzate dal mancato finanziamento dello stato debitore. Ti faccio incontrare con chi si sente soffocato da quell’Equitalia che tu avevi promesso di abolire. Ti faccio parlare con le mamme che si vedono aumentare le tasse scolastiche del 4 per cento, con chi per iscrivere il bimbo alla materna deve pagare cento euro”.

“Ti porto ad incontrare i giovani che non trovano lavoro; ti faccio toccare con mano che il tasso di disoccupazione quando eri al governo è diminuito NON perchè la gente trovava lavoro, ma perchè se ne andava altrove a cercare lavoro. E tu sai che togliersi dalla lista di collocamento per andare altrove può far pensare che la gente non sia più iscritta perchè lavora, ed invece la realtà è molto diversa. Ti faccio conoscere giovani che non sanno come fare per costruirsi un futuro. Che decidono di non comprarsi casa perchè, anzichè essere una ricchezza, è una tassa insopportabile in più da affrontare. Ti porto a vedere cosa provoca nell’animo umano anni e anni di lavoro precario, quel lavoro precario che tu hai creato come soluzione al lavoro che mancava. Ti faccio parlare con genitori che dicono: “Cosa insegno ai miei figli? A guardare lontano? O ad arraffare oggi quello che la vita ti dà, perchè domani non sai cosa ci può essere”. Ti aiuto ad uscire dal mondo dorato in cui vivi, e a renderti conto (tu e molti altri) di come si sta quaggiù”.

“Se vuoi fare dei servizi socialmente utili, non dare retta a chi ti prepara un servizio che è socialmente utile solo a te stesso. Vieni un po’ qui in basso, dove viviamo noi comuni mortali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. folgore
    Scritto da folgore

    @Cristiano, si risparmi il pippotto moralista e catastrofista, la religione e la fede sono una cosa, chi la amministra tutt’altra, e sono proprio quelli come lei e don Porcile che rendono la fede, quella vera, una buffonata, voi che per hanni con lo scudo che lei ha come avatar avete massacrato milioni di innocenti, Guerre Sante, Inquisizione, roghi eccetera in nome della cosiddetta fede religiosa!
    Voi siete l’antitesi della fede, siete solo persone che per migliaia di anni si sono approfittati dell’ignoranza della gente per estorcere loro denaro e tenerli soggiogati con l’incubo della fine del mondo che incombe, ma fatela finita che siete ridicoli!
    Gesù non ha voluto nessuno come voi, nessuno come i preti pedofili, nessuno come i membri dello IOR o dell’OPUS DEI, nessuno come i pretucoli che fanno politica, nessun catastrofista, basta dire che persone come Padre Pio che predicavano l’esatto contrario di ciò che lei vaneggia furono messi ai margini dalla sua tanto amata Chiesa!
    Per ilr esto speriamo che lo spirito santo le porti un vocabolario di italiano; “Ricodate”,”
    guadiamo”(il fiume?ahahah), “pagluzza”,”il trave” trave è un sostantivo FEMMINILE quindi semmai LA trave!Meglio ipocriti che ignoranti!

  2. CrazyDiamond
    Scritto da CrazyDiamond

    E’ una trovata pubblicitaria tanto per avere un po’ di visibilità: perché don Porcile non propone la stessa cosa a qualche membro della sua organizzazione, che si è macchiato di reati anche peggiori, ma lo propone proprio a Berlusconi?
    Perché così ivg.it ti pubblica un articoletto e da oggi tutti noi sappiamo che esiste un prete che si chiama don Porcile.
    Masturbazione ecclesiastica.

  3. folgore
    Scritto da folgore

    @bit “I suoi pranzi ricercati innaffiati da ottimo vino attorniato da ragazze compiacenti” sempre meglio pranzare con donnacce compiacenti e consenzienti che toccare bambini minorenni tutt’altro che consenzienti come hanno fatto tanti colleghi del don…
    “Basterebbe come pena farlo vivere con poco meno di 900euro al mese” esatto bell’idea iniziamo a dare gli stessi soldi ad un prete ad un vescovo o ad un cardinale, che 900€ se li prenderanno in una settimana!
    E basta con sta pantomima dei preti e della Chiesa che curano gli ultimi, lo IOR non ha tra i suoi adepti nessun ultimo, l’Opus Dei nemmeno, mai visto un immigrato, un rom o altro lavorare per la chiesa o all’interno del Vaticano (lavori diversi dal sacrestano o dallo sguattero), ogni giorno arrivano diecine di barconi i CPT sono pieni ma finora nessuno del Vaticano ha mai detto ce ne facciam carico noi.
    Il vecchio governo ha messo i rifugiati politici in strutture pubbliche mantenuti dal governo di Roma non dal Vaticano, come mai?
    Come mai solo una misera parte dell’8 per mille va ai poveri il resto va per il mantenimento della Chiesa?
    Tutti buoni a predicare e riempirsi la bocca di parole smielate e moraliste, ma non sanno nulla di chi davvero sta male, se c’è crisi nella fede delle persone e i cristiani sono sempre meno la colpa è di chi “amministra” la fede!

  4. james bond
    Scritto da james bond

    Morto don gallo questo pretonzolo cerca di emularlo…senza averne il carisma ma iniziando da un pippotto contro Berlusconi…banale… Certo l’accenno all’imu sulla casa rasenta il ridicolo…lo vada dire al suo amico Doria come si fa a pagare il 6×1000 (non per cento) sulla prima casa… Sarebbe un incontro interessante…doria e il prete che parlano di imu…e nessuno dei due la paga, il sindaco perchè esonerato per casa “storica” e il prete perchè da sempre la chiesa è “allergica” all’IMU…

  5. Cristiano
    Scritto da Cristiano

    Folgore : Forse prima di sputare sentenze informati, sei solo una lingua malefica, che mette zizzania, ma non aver paura sarai messo a fuoco. Vedo che satana ti lavora bene.
    Fai ancora in tempo a convertrti ma non perder tempo l’ora è vcina. E questo vale per tutte le persone che non hanno rispetto della Chiesa e delle persone che Gesù attraverso l’Opera dello Spirio Santo ha Voluto. Ricodate che siamo tutti peccatori, non guadiamo la pagluzza che hanno negli occhi gli altri, ma guardiamo il trave che abbiamo nel nostro. Ipocriti.