IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Condanna Berlusconi, Ciangherotti risponde al parroco genovese: “Non ha imparato cosa sia la misericordia”

Albenga. Non si fa attendere la risposta dell’assessore ingauno Eraldo Ciangherotti che commenta le parole del parroco genovese, Don Valentino Porcile, che ha invitato l’ex premier Berlusconi a rifiutare la proposta di scontare la pena nei servizi sociali di Albenga a vantaggio di un servizio nella comunità del levante genovese e davvero tra gli ultimi.

“Svolgere qualche ora di servizi socialmente utili come misura alternativa al carcere è quanto previsto dalla legge ed eventualmente stabilito dal Tribunale di Sorveglianza – esordisce Ciangherotti – Ciò detto, ad aver letto il trattato di dottrina sociale che Don Valentino vorrebbe insegnare a Silvio Berlusconi, conoscendo la fama di questo sacerdote che, come e meglio del buon Samaritano, si toglierà ogni giorno il mantello per condividerlo con i più poveri, credo sia superfluo aggiungere altro alla sua sapienza. Troppo elevato e troppo geniale, il prete, anche per uno come Silvio Berlusconi, che sul sociale certo ha fatto certo più dei governi di centro sinistra degli ultimi decenni. E don Valentino Porcile lo sa bene, lui che arbitrariamente addossa a Berlusconi quanto né Massimo D’Alema, né Romano Prodi, né Giuliano Amato, né Pierluigi Bersani e compagni sono mai riusciti a realizzare pur a capo dei governi. Senza dimenticare Enrico Letta, ovviamente, che fatica a togliere l’IMU sulla prima casa, voluta e introdotta da Mario Monti”.

Aggiunge Ciangherotti: “Colpisce, oggi, il tono confidenziale del sacerdote genovese, che si rivolge in maniera così irriverente, quasi sprezzante, a una persona più anziana di lui alla quale, solo qualche mese fa, avrebbe probabilmente steso la lingua a mo’ di passerella in una visita ufficiale dell’ex Premier nella sua Comunità, magari con la speranza di qualche finanziamento pubblico sempre gradito anche quando arrivi da Berlusconi. Una cosa sola, Don Valentino Porcile, dimostra con le sue parole contro il leone ferito. Di non aver ancora imparato, come prete, il significato della ‘misericordia’, roba che le prostitute di strada, come i tossicodipendenti nei vicoli, o gli zingari questuanti agli angoli delle strade, da anni probabilmente gli stanno insegnando invano. Ci rifletta, don Porcile: se per la giustizia malata e imprevedibile, avesse mai bisogno di dedicarsi ai servizi sociali, anche lui mi cerchi. E venga ad Albenga: ci potrebbe insegnare a risollevare le sorti del mondo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mrscultz

    La mia opinione è questa: la Chiesa resti fuori dalla politica sia di destra che di sinistra, sia bianca che rossa ecc. Altrimenti non ci dovremo stupire se un domani qualche alto prelato ci consigliasse che in fondo è meglio stare con la camorra piuttosto che con la mafia…ma insomma, dove vogliamo arrivare??

  2. Scritto da gianmarco

    Ma quando vi toglete tutti dalle balle??????Proprio non se ne può più!!!

  3. A lbenga
    Scritto da A lbenga

    ecco a voi l’assessore più inutile del mondo !!!

  4. Scritto da CC

    Ma Ciangherotti non ha un lavoro? Un vero lavoro intendo, che non consista nell’andare a supportare un miliardario che vuol far passare per nostri i suoi problemi personali con la giustizia o nel dire ogni giorno qualsiasi cosa che gli permetta di avere una qualche eco sui giornali? Perchè ci vuole tanto tempo libero..

  5. Scritto da ZagorTenay

    Egr. Dott. Ciangherotti

    desidero ringraziarla profondamente per aver richiamato all’ordine questo sacerdote così presuntuoso che, ben diversamente dalle alte sfere clericali che negli anni hanno robustamente appoggiato il Suo Amato Leader, è stato così poco elegante da sottolineare come la sua condotta sia un tantino in antitesi con quella di chi si professa cattolico (per inciso io, ovviamente, sono un mangia-bambini). Sono assolutamente d’accordo con lei che si debba esercitare il sentimento cattolico della “misericordia” che (v. Wikipedia) consiste nel “sentimento generato dalla compassione per la miseria altrui (morale o spirituale)” …perché per il Suo Amato Leader è proprio di miseria spirituale e morale che stiamo parlando…..