IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albanesi fermati al casello con due etti di eroina: uno scagiona l’amico, ma restano dentro entrambi

Savona. Sono stati interrogati questa mattina i due albanesi arrestati venerdì sera dalla polizia perché nel bagagliaio dell’auto sulla quale viaggiavano erano nascosti due etti di eroina. I due, Eduart Brecani, 37 anni, senza fissa dimora, e Drilon Malaj, 28, abitante a Camino (in provincia di Alessandria), sono stati sentiti dal giudice per le indagini preliminari Fiorenza Giorgi che ha convalidato gli arresti e confermato la misura di custodia cautelare in carcere.

Davanti al gip Brecani si è difeso spiegando di non sapere nulla della droga: “Ero in Riviera per trascorrere una serata con il mio amico, ma non sapevo che cosa fosse nascosto in auto”. Una versione confermata anche da Malaj che ha dichiarato che lo stupefacente era il suo: “Il mio amico non sapeva fosse in auto”.

La coppia di albanesi (entrambi assistiti dall’avvocato Andrea Alpicrovi) è stata bloccata al casello di Albisola dalle pattuglie di squadra mobile e volanti impegnati in normali controlli. E’ stato il comportamento, particolarmente nervoso, ad insospettire i poliziotti che hanno deciso di procedere a un controllo più accurato e dalla perquisizione dell’autovettura. Così è saltata fuori, nascosta sotto la ruota di scorta, la droga, due etti di eroina ancora da tagliare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da notorious

    Negli anni, i nostri governi non hanno MAI osato inimicarsi alcuna nazione rispedendo indietro chi non e’ ben accetto. Parlo di clandestini e delinquenti comuni. Gli italiani? Sempre amici di tutti. Mai una decisa posizione nella diplomazia internazionale dai tempi della Libia e di Ustica. Ops, dimenticavo Gheddafi ma quella e’ stata una pagliacciata. Da nord a sud e da est a ovest sempre amici di tutti!!!
    Codardi, venduti, infami e banderuole. Ecco cosa ci han fatto diventare.
    Coraggiosi, solidali, onorevoli e perseveranti. Ecco cosa eravamo.
    Dobbiamo smettere di far finta di niente x il quieto vivere e per paura di perdere il nostro orticello. Ma ormai siamo talmente dentro la m che non ne sentiamo piu la puzza. E ci sembra tutto normale.

  2. Scritto da El Rey del Mundo

    Gli italiani emigravano (ed emigrano) all’estero in cerca di lavoro e di condizioni migliori (morali e fiscali) questi vengono in Italia a spacciare droga e guai a toccarli; ti saltano subito addosso come bestie assatanate: dai bigotti clericali, passando per i comunisti per terminare ai berlusconiani ; per non parlare dei diseredati leghisti che fanno la doppia faccia: davanti fanno fi ta di non volerli, di dietro li accolgono a braccia aperte; i miei avi emigrarono in Germania in cerca di VERO lavoro e mai osavano spacciare, rubare o delinquere. Peluffo ti è chiaro questo?

  3. LITTLE GUM
    Scritto da LITTLE GUM

    non passerà molto che qualcosa in stò paese succederà…..

  4. Scritto da Roy

    ops, a me sembrano cari due etti di prosciutto cotto, e questi girano tranquillamente con due etti di cocaina!! Ah gia’, ma io devo pagare salato per essere italiano, questi invece …..