IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Un tratto di spiaggia per i quattrozampe in ogni Comune: l’Enpa rilancia la sua proposta “estiva”

Più informazioni su

Savona. Un piccolo tratto di spiaggia comunale, libera o a prezzi contenuti, in ogni Comune della provincia, accessibile agli animali domestici: è il progetto presentato dalla Protezione Animali savonese ai Comuni costieri ed all’Autorità Portuale (proprietaria delle spiagge del capoluogo), quattordici dei quali ancora non ce l’hanno.

“L’abbandono di cani e gatti, prima delle vacanze estive, è certamente segno di inciviltà ma è favorito dall’assenza di servizi ed ospitalità nei luoghi di villeggiatura, malgrado le bandiere blu o le certificazioni ambientali di cui ormai si fregiano molti comuni rivieraschi. La realtà è infatti pesante per cane e padrone, con una selva di divieti di accesso in molte zone cittadine ed esercizi commerciali mantenuti da quasi tutte le amministrazioni e malgrado non esistano nella vicina e simile Costa Azzurra” dicono i volontari.

La proposta, elaborata dall’Enpa, prevede una striscia di almeno 10-15 metri di litorale, con distributore di palette e contenitore per la raccolta delle deiezioni, espositore per l’affissione del regolamento della spiaggia e rubinetto per l’acqua. Le spiagge andrebbero ad aggiungersi alle 11 esistenti in provincia, aperte con la consulenza e grazie all’attività svolta dall’ENPA di Savona, che è riuscita negli Anni ’90 ad ottenere l’autorizzazione generale ad attrezzare – sulla base di propri progetti – 600 spiagge per cani in tutta Italia.

Solo 5 sono quelle comunali, a Ceriale, Finale Ligure, Pietra Ligure (2) e Noli, mentre le private sono 6, a Loano (3), Laigueglia, Alassio ed Albissola Mare; ad Albenga ed Andora dovrebbero aprire, si spera già questa estate, due stabilimenti previsti dalle rispettive amministrazioni comunali; per l‘alto numero di cani, particolarmente necessaria è per Savona, dove l’ENPA spera che Comune ed Autorità Portuale accolgano finalmente la proposta. Così come si augura che la prossima amministrazione di Alassio prenda in considerazione il progetto che ha presentato l’agosto scorso, senza riscontro, per la spiaggia libera vicino ai “Baba beach”.

L’associazione continua inoltre a riproporre la modifica delle ordinanze di divieto di accesso ai cani in molte zone ed esercizi cittadini della Riviera: aree verdi, giardini pubblici, bar e ristoranti ed uffici postali (come quello di Loano, dove una cliente con un cane, dopo aver fatto una lunga fila allo sportello, sarebbe stata nervosamente allontanata da un impiegato).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Ricordo che l’articolo di IVG è riferito ai cani: gli animali pelosi a quattozampe e non ai “cani” che entrano in IVG.

  2. Scritto da charlie brown

    Se non piace l’idea basta andare in un altra spiaggia. Non ho un cane, ma penso sia una cosa da Paese civile. Si parla di “piccolo tratto”, non di interi lidi. Meglio i cani in spiaggia che chiusi in macchina sotto al sole e con 1 centimetro di finestrino aperto direi. Ci lamentiamo dei cani che sporcano? Ok, ma come la mettiamo con quei vandali selvaggi (spesso che vengono da fuori) che abbandonano in spiaggia lattine, cartacce, cicche di sigarette, resti di pranzo al sacco ecc? A me danno più fastidio loro di un cane

  3. gds
    Scritto da gds

    questa volta sono pienamente d’accordo con il Re (magari senza insultare nessuno).

  4. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Ci sono persone molto più sporche dei cani (che in genere sono in regola con le vaccinazioni)… ad esempio quelli che ogni 2 minuti ti vogliono vendere la loro paccottiglia e che hanno i denti gialli (se non addirittura verdi) e che sicuramente a differenza dei cani, non hammo fatto alcuna vaccinazione!

  5. Scritto da biunnu2

    potresti renderti utile andandoli a raccogliere