IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, l’assessore Briano: “Il Ministero smentisce i Comuni, terzo gruppo con nuova AIA”

Vado Ligure. “Il Ministero del’ambiente ha confermato la nostra interpretazione su il crono programma di lavori previsti per l’abbattimento dell’inquinamento della centrale termoelettrica di Vado Ligure, ribadendo che il rifacimento del terzo gruppo a carbone dovrà essere soggetto ad un’eventuale nuova autorizzazione integrata ambientale e non è previsto dall’attuale AIA”.

Lo dice l’assessore all’ambiente della Regione Liguria, Renata Briano commentando le conclusioni a cui è giunto il Ministero dell’ambiente circa l’interpretazione dell’AIA rilasciata dallo stesso Ministero il 14 dicembre scorso sui lavori previsti all’interno della centrale, con il documento pubblicato in esclusiva su IVG.it.

Le delucidazioni che oggi il Ministero ha reso note erano state richieste dalla Regione Liguria, a seguito del ricorso presentato dai Comuni di Quiliano e Vado Ligure contro l’AIA, preoccupati per la realizzazione di un terzo gruppo a carbone, in affiancamento ai due già esistenti.

“La Regione – spiega l’assessore Briano – ha chiesto al Ministero un’interpretazione autentica a conferma di quanto noi sapevamo. Il dubbio dei Comuni era che il rifacimento del terzo gruppo fosse contemplato dall’autorizzazione ministeriale e invece non è così”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Boh sempre più palese che l’opposizione dei Comuni è ideologica e a perdere sapendo benissimo di sostenere tesi che davanti ad un giudice si sgretoleranno.
    Perdita di soldi e basta.
    Non vorrei che anche la Procura non abbia più il coraggio di tornare indietro in una inchiesta che pare un pò “temeraria”…

  2. Scritto da pensierolibero

    Tranquilli adesso arriva la Briano pagata da noi,metterà sotto sequesto tutto nel giusto o nel illecito. Intanto Lei non paga (paghiamo noi. ) e deve far vedere che fà qualcosa. Qualcosa lo fà! Dare danno a chi lavora.

  3. folgore
    Scritto da folgore

    Altra magra figura dei comuni, altro sperpero di soldi pubblici, tempo e fatica, per nulla!
    Avanti così!