IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sparatoria davanti a Palazzo Chigi, condanna e sgomento da parte dei politici liguri. Vaccarezza: “Chi aizza le piazze dovrebbe riflettere”

Mancano venti minuti a mezzogiorno quando davanti a Palazzo Chigi si scatena il panico: un uomo, in giacca e cravatta, si avvicina al palazzo e spara a due carabinieri ferendoli al collo e a una gamba, colpendo di striscio anche una donna incinta. Di qui le urla dei passanti, l’arrivo dei soccorsi, il terrore puro in pieno centro di Roma. E tutto, mentre all’interno dell’edificio si svolge la cerimonia di giuramento del premier Enrico Letta e dei suoi ministri.

La cronaca rimbalza da ore su tg e sui giornali online e raggiunge ogni angolo d’Italia, Liguria compresa. “Una persona che compie un gesto simile non può che essere definita squilibrata” è il commento a caldo del presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza, che parla così dell’arrestato, Luigi Preiti, 49 anni, un calabrese di Rosarno residente in Piemonte, senza precedenti penali ma che qualcuno ha indicato come un soggetto affetto da problemi psichici (notizia negata dal fratello che parla di lui come un uomo disperato e senza lavoro).

“Quello che mi viene da dire è che, a furia di aizzare la piazza, il rischio è che i deboli perdano il senso delle cose – continua Vaccarezza – Chi si fa carico di usare certe terminologie e di riempire le piazze con atteggiamenti da sommossa, dovrebbe ora porsi qualche domanda. Il problema è che chi ci va di mezzo sono sempre le persone in divisa che servono quelle istituzioni che vengono continuamente denigrate, o chi è comunque più debole, come la passante incinta. E’ ora di fare una riflessione profonda e di pensare cento volte prima di aprir bocca e dire certe cose infiammando le piazze”.

Intanto, i commenti dei politici liguri si susseguono sui social network. “Vicinanza e solidarietà per coloro che hanno rischiato la vita a piazza Colonna” scrive l’assessore regionale Pippo Rossetti. Giovanni Lunardon (Pd): “L’ultima volta che gli spari hanno incrociato la vita delle istituzioni repubblicane era il 16 marzo 1978. Moro stava per dare vita al primo Governo PCI/DC. Non poté’. Fu rapito e poi ucciso. Nacque il Governo Andreotti, il Governo della solidarietà’ nazionale. Il Governo della non sfiducia”.

(Foto da youreporter.it)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sky72

    chi compie un gesto simile caro il mio vaccarezza è perchè è veramente arrivato alla disperazione più totale e non sarà l’unico cari i miei politici…..la gente è stufa di voi ……ma voi sig vaccarezza cosa ne volete sapere di non riuscire a sfamare la vostra famiglia con tutti i soldi che,ingiustamente,percepite……finalmente si sta muovendo qualche cosa e inizierete a farvi un pò di domande……

  2. Scritto da Enrico Guidotti

    Mi piacerebbe vedere i politici al posto dell’attentatore, senza niente per buona colpa di una categoria che abusa impunemente dei propri privilegi e fino ad ora ha solo rovinato l’Italia.
    Il gesto è grave e va piena solidarietà ai carabinieri che in buona parte amano difendere gli italiani. Ma sicuramente poveri amministratori onorevoli e molto competenti, basti vedere come è conciata la nostra regione, i morti suicidi disturbano molto meno le vostre candide coscienze .
    In merito ai comizi, la verità non fa mai male, forse è vero il contrario di quello che dichiarate.
    E scusi Annamaria ma guardi che circa 1/6 dei lavoratori opera anche il fine settimana, e in buona parte senza extra.

  3. Scritto da malla

    vaccarezza ………. incomincia a dirlo a quel nano del tuo capo …. lui è il primo ad avere colpa di questo ……

  4. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    Chi aizza le piazze con la violenza, va fermato……
    Cosa c’entrano quei poveri carabinieri
    Erano li a lavorare pure di domenica e magari lontano dagli affetti
    Cose brutte!!!!