IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sottotetti a Villanova, 300 case a rischio: necessaria una variante al piano regolatore foto

Più informazioni su

Villanova. “Un primo incontro chiarificatore. Gli interessati faranno domande specifiche e si possa avviare un serio dialogo con le istituzioni comunali e regionale per risolvere il problema dei sottotetti sulle villette poste sotto sequestro, nell’ambito dell’indagine di Procura e Forestale”. Così Franco Barbera dell’associazione “La Violetta” di Villanova poco prima dell’incontro con il consigliere regionale del Pdl Marco Melgrati, che ha presentato una interpellanza in Regione.

Al centro dell’incontro il rischio “abusivismo” per molte abitazioni realizzate a Villanova: “C’era una base di nuova fede nelle costruzioni realizzate e spero che nelle sedi opportune si possa dimostrare…E’ chiaro che ora la situazione è scappata di mano e serve una rapida soluzione, tanto per i privati che per le società costruttrici in grosse difficoltà” aggiunge Barbera.

I cantieri restano bloccati, una delle aziende costruttrici, la Came srl, ha già portato i libri contabili in Tribunale, senza contare le incidenze sul mercato delle case. “Ci sono problematiche significative: a Villanova dove per costruire, con un indici di edificabilità allo 0,5, si arriva ormai a 2.000 euro a metro quadro, al di fuori dei canoni di mercato. Prima era intorno ai 1.200 euro…”.

“Non sono un tecnico – conclude -. Tuttavia l’ipotesi maggiormente attuabile resta lo spostamento della volumetria dell’area destinata al golf, che resta una struttura inutilizzabile nel territorio villanovese, con una cubatura tale in grado di sanare la questione dei sottotetti, che riguarda circa 300 abitazioni a Villanova”. Per questo servirebbe, però, una variante al piano regolatore del Comune con lo spostamento dell’indice nelle zone sanate, ma a parametro zero. Una pratica a dir poco complicata, anche per il fatto che l’attuale amministrazione vede indagato nell’inchiesta il sindaco Domenico Cassiano; inoltre a carico di privati ci sarebbero altri oneri di urbanizzazione a carico.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mafalda

    Caro bandito, lo sai che non mi piace proprio il tuo pensiero….se i sottotetti sono abusivi ma io con mio marito lo abbiamo pagato per buono sappi che col cavolo che lo faremo demolire…
    Come ti permetti di dire questo, dietro a queste situazioni ci sono famiglie che hanno fatto dei sacrifici per comprarsi casa…

  2. Scritto da MMFFMMFF

    Sarei curioso di sapere se anche gli assessori e consiglieri comunali che stanno costruendo case o negozi hanno tutto in regola……..

  3. Scritto da MMFFMMFF

    Mi sto’ convincendo sempre più’ che la malafede ha regnato sovrana…
    Che vergogna….
    Melgrati può’ non essere simpaticissimo però’ ha alzato il culo dalla sedia e ci ha ascoltati… Altri, se ne stanno al bar o nascosti tra i vasetti senza proferire parola…
    Peccato, avete dimostrato di non conoscere neanche la parola coraggio…cari amministratori di 10 torri…

  4. Scritto da Hello

    Ciao Ironmen.. vado a risponderti.. la demolizione va applicata quando costruisco senza autorizzazione o quando realizzo parti non facenti parti del progetto…..Il problema è che qui tutti coloro che hanno costruito avevano una licenza rilasciata dal comune e realizzavano strutture conformi al progetto…e per questo si cerca una SOLUZIONE valida e non un ESCAMOTAGE…
    Per quanto riguarda chi ha sbagliato certamente non sono un giudice ma essendomi documentato sugli avvenimenti posso affermare che sia stato il comune, i suoi tecnici e tutti coloro che facevano parte delle commissioni edilizie..che per oltre 10 anni hanno rilasciato licenze con progetti che andavano contro le normative nazionali in materia edilizia..
    La colpa è del sistema che si è voluto creare nel comune di villanova per far arricchire molte persone…il solito gioco all’italiana…
    A mio parere oggi dovrebbe essere il comune a mettersi in prima linea per cercare di risolvere questo problema ed invece si nasconde dietro i no comment e l’agire della procura…

  5. Scritto da Mafalda

    Hai ragione Hello, qualcuno si è’ ingrossato le tasche sicuramente, si è’ fatto tanti bei amici e ora se ne sta’ zitto zitto….

    Tiene un basso profilo ORA, ma a chi vuol farla a bere…