IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ritrovamento del piccolo Daniele diperso ad Osiglia: l’azione del “cane molecolare”

Osiglia. Dodici cani in tutta Italia abili e arruolati dal corpo nazionale del soccorso alpino. Nemmeno le forze dell’ordine hanno nel loro organico queste “armi speciali”, anche se sono in fase di addestramento i primi bloodhound a Firenze per i carabinieri.

Ad Osiglia ha operato Wallace, di stanza a Verbania, dove vive e lavora il responsabile nazionale della sezione cinofilo molecolare Federico Lazzaro. “Siamo arrivati da Verbania con due animali addestrati al ‘Mantrailing’ ma abbiamo usato solo Wallace” spiega Lazzaro.

Il mantrailing è la disciplina che permette di individuare e seguire il percorso effettuato da una persona con l’uso di un cane.

“Abbiamo fatto due uscite e segnato in tutto tre target, poi siamo rientrati e abbiamo analizzato la traccia del percorso fatto tramite i dati del gps e dato i nostri risultati ai soccorritori” spiega ancora Lazzaro.

Il conduttore è dotato di un dispositivo gps. Non solo il cane, dunque, è addestrato a seguire l’odore del ricercato ma anche il conduttore deve essere abile a capire i segnali che lancia il proprio quattro zampe. E proprio quando dall’animale arrivano determinati segnali, il conduttore clicca un pulsante sul suo dispostivo e le relative coordinate diventano un target.

“Ad Osiglia abbiamo fatto presto perché avevamo un campione di odore puro, anche se la zona era ricca del suo ‘profumo’, dal momento che era quella in cui il bimbo era solito giocare. Per essere certi, abbiamo fatto un secondo passaggio di verifica e il cane ha dato i segnali corretti – continua Lazzaro – Dopo aver scaricato tutto sul computer abbiamo dato il nostro imput ai soccorritori”.

L’unicità di questi animali è data proprio dal loro addestramento particolare: sono pochi, super richiesti e sparsi in tutto il territorio nazionale. Per fare un paragone, il solo soccorso alpino dispone di oltre 200 cani per ricerche da valanga e di 132 cani per ricerche di superficie e solo di 12 addestrati al mantrailing.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.