IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Recensioni su TripAdvisor: presto uno stop a quelle fasulle e manovrate

Più informazioni su

Dopo i vari casi denunciati di recensioni manovrate, TripAdvisor ha comunicato che si servirà della tecnologia utilizzata per le carte di credito e assicurazioni per lottare contro le false recensioni. Il controllo avverrà tramite un software che dovrà analizzare una mole considerevole di recensioni, calcolando che su TripAdvisor vengono pubblicate in media 60 recensioni al minuto, e sul quale la società ha investito molto.

“Non so come, nel dettaglio, TripAdvisor potrà intervenire sulle recensioni per identificare quelle fasulle – dice Giuseppe Cerminara, responsabile provinciale di Federalberghi – ma credo che un sistema come quello adottato da Booking.com o Expedia che registrano la prenotazione e prendono i dati del cliente tramite carta di credito, possa essere valido. C’è una persona a cui si può risalire, anche se rimangono tagliati fuori i clienti che pagano in contanti. Ed ho notato che le recensioni di questi due siti rispetto a quelle di TripAdvisor dove l’utente non è in nessun modo rintracciabile, hanno un altro stile con critiche espresse in modo meno aggressivo”.

Con questa nuova politica alla quale TripAdvisor sta lavorando si dovrebbe mettere un freno ai casi di recensioni sospette che negli ultimi tempi ha minacciato anche il settore alberghiero della provincia; come denunciato tempo fa dal direttore dell’Unione Provinciale Albergatori, Carlo Scrivano.

Alcuni associati avevano denunciato di essere stati contattati da una fantomatica società on line che prometteva buone recensioni in cambio del pagamento di una certa somma con il rischio, se non si accettava la proposta, di ricevere stroncature sul web con pacchetti di recensioni negative, altrettanto fasulle.

“Lo scorso anno all’Unione Industriali abbiamo organizzato un incontro con Vittorio Deotto di TripAdvisor che ha illustrato le caratteristiche del portale – dice Franca Cappelluto, presidente di UPA – e abbiamo fatto presente che una falla del sistema è proprio quella dell’anonimato che permette di fare recensioni fasulle. In quell’occasione avevamo proposto che chi lascia il commento lasciasse anche il numero di prenotazione. Con motori di ricerca come Booking.com o Expedia la persona che scrive la recensione è identificabile dal numero di prenotazione e anche noi albergatori possiamo intervenire e contattare il cliente nel caso in cui questo non si ritenga soddisfatto del servizio. Con l’anonimato questo non è possibile”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. brune83
    Scritto da brune83

    Ciao a tutti!
    Mi chiamo Alessandro Brunelli, ho 30 anni e abito a Verona.
    Io e il mio amico Danilo Pontone un paio di settimane fa abbiamo pubblicato un nuovo portale turistico di recensioni, la cui novità ed unicità è quella di eliminare l’anonimato dei recensori e di fornire agli albergatori la possibilità di un controllo sull’effettivo soggiorno del recensore presso la propria struttura prima che la sua recensione venga pubblicata.

    Il portale in questione si chiama Hotel 2.0

    Attendiamo feedback a riguardo!
    Grazie.

  2. Scritto da Bobby75

    In Italia, quando c’è un minimo appiglio per fregare il prossimo, non ci facciamo mai scappare l’occasione, soprattutto se si riesce ad essere vilmente coperti dall’anonimato. Siamo campioni del Mondo in questo, dei veri maestri.