IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Perizia su Tirreno Power, l’azienda: “Notizie non vere ledono reputazione, danno d’immagine”

Più informazioni su

Vado Ligure. “Tirreno Power fa presente che non è stata depositata presso la Procura della Repubblica di Savona alcuna ‘perizia’ che chiamerebbe in causa l‘azienda per le malattie cancerogene dell’area”. E’ la stessa direzione dell’azienda energetica ad affermarlo, manifestando “profonda indignazione” per “notizie non vere” che danneggiano “la reputazione della società e dei suoi lavoratori”.

C’è stato un incontro tra il pool di tecnici e la Procura ed effettivamente la perizia non è ancora sul tavolo dei magistrati, anche se sarà consegnata a giorni. Prosegue l’azienda: “La continua pressione mediatica (peraltro, spesso in concomitanza con la promozione di convegni pubblici sul tema dell’inquinamento cagionato soltanto da Tirreno Power) e lo stillicidio di anticipazioni sull’operato dei consulenti della Procura ledono la credibilità e la reputazione di una società che opera conformemente alle leggi vigenti, con correttezza e trasparenza ed è impegnata in progetti industriali di grande rilevanza produttiva oltrechè di salvaguardia ambientale”.

“La diffusione di continue indiscrezioni, già verificata in occasione della presunta perizia sui licheni (anche in quel caso non depositata presso la Procura), crea un ingiustificato allarme sociale, perdippiù in un contesto in cui la Procura, invece, mantiene giustamente il più stretto segreto istruttorio” si legge nella nota di TP.

“Occorrerebbe quindi riflettere sulle motivazioni e le cause di un continuo flusso di informazioni, sulla tempistica di tali indiscrezioni e su quale ne siano le fonti effettive. Resta per Tirreno Power un significativo danno d’immagine e di reputazione che troverà, nelle forme opportune, le necessarie tutele anche di tipo legale con le conseguenti azioni di carattere risarcitorio” conclude Tirreno Power.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. gianni maio
    Scritto da gianni maio

    QUOTO FOLGORE!!!! questi personaggi in cerca d autore ne scrivono veramente tante che alla fine ci credono anche!!!! ma dati non ne hanno e ormai i loro sono urli e abbai contro la luna!!!! mi facciano il piacere!!!

  2. folgore
    Scritto da folgore

    Sarà @sperobene e il clan dell’osteria che travestiti da scolarette minorenni dall’alto del loro coraggio mettono in giro delle musse (alle quali poi finiscono per credere anche loro), ma per depositare certe cose in procura non basta cliccare “invia commento” occorrono alcune cose:
    – veridicità delle perizie (pena denuncia per falso e diffamazione)
    – dati oggettivi riportati in esse
    – dati numerici e comprovabili senza ombra di dubbio
    – nome e cognome di chi le deposita
    – professionisti e analisi qualificate
    Ora mancando tutto ciò ed essendo ben diverso dal scrivere balle su un blog è ovvio che cirlano ciarlano ma non concludono nulla!
    Facile mentire adducendo milioni di morti, parenti scomparsi, gente che sta male, senza fare nomi e cognomi, senza pubblicare dati e depositare cartelle cliniche ecc ecc.
    Magari qui funziona e fa anche commuovere i più boccaloni, ma per la magistratura non sono queste le cose che contano!!!
    Parafrasando una canzone dei Buio Pesto…CONTAMUSSE!!!