IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Operazione Viper”, spaccio e usura: scena muta di Turezini davanti al gip foto

Savona. Ha preferito non rispondere alle domande del gip Donatella Aschero avvalendosi della facoltà di non rispondere. E’ questa la strategia difensiva adottata dal parrucchiere albisolese, Igor Turezini, finito agli arresti domiciliari nell’ambito dell’Operazione “Viper” che ha portato in manette anche quattro albanesi (i fratelli Edmond e Albert Gjini e Ylli e Emirjon Lala) e il savonese Ivan Chessa. A Turezini (che è difeso dall’avvocato Tiziano Gandolfo), gli investigatori, contestano l’acquisto di dosi di cocaina da Edmond Gjini e numerosi episodi di cessione di droga (anche venti grammi alla volta, si legge nell’ordinanza di custodia cautelare) fra il gennaio e il giugno del 2012.

Il parrucchiere, nella ricostruzione della vicenda fatta dalla squadra mobile, in un secondo momento diventa vittima di un’estorsione da parte di Edmond Gjini per un debito non saldato da parte di uno dei suoi acquirenti, un egiziano trentottenne (colpito da una misura di obbligo di firma). Secondo gli inquirenti Turezini, che continuava a subire minacce e intimidazioni, avrebbe poi chiesto all’albanese una dilazione di pagamento.

Emblematica per riassumere la situazione è una telefonata intercettata dagli investigatori. Edmond Gjini (che pur essendo in Albania continua a seguire la questione con molto interesse) chiede al fratello Albert “se è passato dal parrucchiere”. E questi risponde di sì: “Ma non sono riuscito a radermi2 aggiunge, intendendo che l’incontro è andato a vuoto. Successivamente gli albanesi si erano fatti dare dal giovane la sua macchina, una Honda Civic, a garanzia del debito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da solo io

    Ma sta gente che commenta da dove esce .. Non sa nemmeno su cosa sta scrivendo .. Più la gente la conosci e più a guardarla ti scappa da ridere … Ma fatevi il vostro e guardate lo schifo che avete alle spalle prima di commentare persone che forse non conoscere o forse non conoscete i fatti .. Solo una cosa … Ma fatevi furbi che siete paragonati a 0

  2. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Magari ora la pianta di fare il fighetto in discoteca… peccato che non lo hanno messo al gabbio: avrebbe potuto fare da dama di compagnia a qualche carcerato superdotato!

  3. Scritto da El Rey del Mundo

    E cosa dovrebbe raccontare al Gip? E’ evidente quello che combinavano questi “bravi ragazzi”. Questo non parla perchè se dovesse raccontare quello che ha fatto da quando era un adolescente ad oggi non basterebbe un anno intero di interrogatorio.
    Comunque fanno bene a prenderli, anche se poi non vengono mai puniti adeguatamente in proporzione per quello che commettono, non è giusto che un giovane con famiglia si alzi alle 6 tutte le mattine, lavori 9-10 ore al giorno per neanche mille euro al mese e questi…se la spassano a furia di estorsioni, spaccio ed usura.