IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovofilmstudio, il documentario “Mare Chiuso” chiude la rassegna “Orizzonti”

Più informazioni su

Savona. Giovedì 11 aprile alle ore 21 il Nuovofilmstudio chiude la rassegna “Orizzonti” con il film documentario “Mare Chiuso” di Stefano Liberti e Andrea Segre.

La rassegna ha voluto essere un’occasione di riflessione sulla tematica delle politiche sull’immigrazione, fenomeno che non può certo considerarsi occasionale o sporadico, ma che fa parte della storia della società umana in un mondo aperto alla globalizzazione delle merci e della comunicazione ma che resta ancora chiuso alla circolazione delle persone.

Proprio con questo pensiero viene proposta la visione di un film che racconta la vicenda dei respingimenti a opera del governo italiano: “Mare Chiuso”.

“Da maggio 2009 e settembre 2010 – si legge nella recensione del film – oltre duemila migranti africani vennero intercettati nelle acque del Mediterraneo e respinti in Libia dalla marina e dalla polizia italiana; in seguito agli accordi tra Gheddafi e Berlusconi, infatti, le barche dei migranti venivano sistematicamente ricondotte in territorio libico, dove non esisteva alcun diritto di protezione e la polizia esercitava indisturbata varie forme di abusi e di violenze”.

“Non si è mai potuto sapere ciò che realmente succedeva ai migranti durante i respingimenti – prosegue -, perché nessun giornalista era ammesso sulle navi e perché tutti i testimoni furono poi destinati alla detenzione in Libia. Nel marzo 2011 con lo scoppio della guerra in Libia, tutto è cambiato. Migliaia di migranti africani sono scappati e tra questi anche rifugiati etiopi, eritrei e somali che erano stati precedentemente vittime dei respingimenti italiani e che si sono rifugiati nel campo Unhcr di Shousha in Tunisia, dove li abbiamo incontrati. Nel documentario sono loro, infatti, a raccontare in prima persona cosa vuol dire essere respinti; sono racconti di grande dolore e dignità, ricostruiti con precisione e consapevolezza. Sono quelle testimonianze dirette che ancora mancavano e che mettono in luce le violenze e le violazioni commesse dall’Italia ai danni di persone indifese, innocenti e in cerca di protezione. Una strategia politica che ha purtroppo goduto di un grande consenso nell’opinione pubblica italiana, ma per la quale l’Italia è stata recentemente condannata dalla Corte Europea per i Diritti Umani in seguito ad un processo storico il cui svolgimento fa da cornice alle storie narrate nel documentario”.

La proiezione verrà preceduta dalla visione di “Papà non torna più” corto della trilogia “La vita che non CIE”(Italia 2012) di Alexandra D’Onofrio.

La rassegna è stata realizzata grazie al contributo di Caritas Diocesana di Savona, Fondazione Comunità Servizi e Cooperativa Sociale Progetto Città.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.