IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente mortale in A10, scooterista cade e viene travolto da auto che fugge: è caccia al pirata della strada

Genova. Era nato nel 1941 a Pachino (SR) e si chiamava Carmelo Zuppardi, l’uomo che alle 16. 10 di ieri pomeriggio ha perso il controllo dello scooter sul quale viaggiava ed è morto in seguito alla caduta. Nel percorrere l’autostrada A10 tra i caselli di Genova Pegli e Genova Aeroporto il conducente ha imboccato la galleria “Cantarena” percorrendo la corsia di sorpasso. Per cause ancora da accertare il suo scooter ha iniziato ad ondeggiare pericolosamente e non riuscendo più ad affrontare la curva a destra si è diretto contro il muro di sinistra urtandolo violentemente.

Dopo tale urto l’uomo, che era residente in provincia di Verbania è caduto a terra proprio al centro della corsia di sorpasso rimanendo lì immobile. I primi veicoli sono riusciti ad evitare il corpo ma poco dopo è sopraggiunta una piccola vettura bianca seguita da un’utilitaria scura.

La prima, percorrendo la corsia di sinistra, ha sterzato proprio all’ultimo scartando l’uomo, mentre l’utilitaria scura non è riuscita in tale manovra, investendolo così con gli pneumatici sinistri.

Il conducente di quest’ultimo veicolo, dopo l’accaduto, proseguito però la marcia senza arrestarsi. La Polizia Stradale di Genova invita quindi chiunque possa fornire utili informazioni sull’individuazione dell’utilitaria scura e del suo conducente, a mettersi in contatto con i propri uffici in Via Saluzzo 1 o in Piazzale Camionale 6, oppure all’utenza telefonica del Centro Operativo Autostradale 010 4104212.

I rilievi dell’incidente, a cura degli uomini della Polizia Stradale di Genova Sampierdarena, dovranno ora stabilire le cause della perdita di controllo mentre accertamenti medici chiariranno se il decesso è da imputare all’investimento o ad altre cause.

Nelle mani degli inquirenti vi è anche l’intera sequenza dell’incidente ripresa dalle telecamere installate all’interno della galleria; i tecnici della Stradale li stanno analizzando a fondo in queste ore. La foto allegata mostra l’utilitaria scura responsabile dell’investimento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. quovadisdomine
    Scritto da quovadisdomine

    … come volevasi dimostrare, leggo che si e’ costituito (dicendo di non essersi accorto di nulla) ,che gli e’ stato sequestrato il veicolo, la patente e che e’ stato incriminato per omicidido colposo ed omissione di soccorso.
    A parte (forse…) l’ omissione di soccorso , sarebbe potuto accadere a qualsiasi persona…
    Ripeto, spiace a tutti per l’ incidente, ma a me continua a sembrare tutto un po’ eccessivo…

  2. quovadisdomine
    Scritto da quovadisdomine

    Innanzi tutto le condoglianze ai familiari.
    Da utente delle due ruote colgo la triste occcasione per ricordare che affidiamo la nostra vita a pochi centimetri quadrati di gomma a contatto con l’ asfalto e all’ utilizzo, da parter di tutti, del buon senso.
    X otellocelletti: ” … essendosi allontanato ha commesso, il reato di fuga e di omissione di soccorso unitamente a tutti quelli che non hanno fatto nulla accorgendosi del corpo. E questo con tutto quello che ne consegue compreso il ritiro della patente ecc. ecc.” . Mi spiega cosa avrebbero dovuto fare tutti quelli in qualsiasi modo coinvolti nell’ incidente per NON essere incriminati di alcunche’? Siamo sicuri che il Legislatore intendesse proprio quello che Lei afferma? Secondo me in determinati casi la Legge va anche interpretata.
    Fermo restando che lo sfortunato investitore finale avrebbe dovuto fermarsi appena possibile (fuori dalla galleria in una piazzola, mi sembra che in quel tratto una corsia di emergenza vera e propria non ci sia…).
    Purtroppo quando capita un incidente (qualsiasi tipo di incidente…) sembra che si debba a tutti i costi trovare un colpevole …

  3. Sub-Commander
    Scritto da Sub-Commander

    riguardati le leggi.. se ti sbucci un ginocchio in un incidente, te ke solo ci sei vicino ti revocano la patente /
    è se questo/a ci lavora gli mantieni tu la famiglia………………………………………………….
    ti augoro nn ti succeda mai in bocca al lupo

  4. otellocelletti
    Scritto da otellocelletti

    sub-commander trovo il suo commento sconcertante.
    Anzitutto quali sarebbero le Leggi di m….a a cui allude. Secondariamente, se la dinamica descritta nell’articolo è quella rilevata dalle telecamere della videosorveglianza il conducente del veicolo potrebbe rischiare un avviso di garanzia solo se dall’autopsia emergesse la sua responsabilità di aver causato la morte nell’evento, ossia se sono state le sue ruote e non l’urto iniziale ad averne causato la morte. La responsabilità inoltre è legata alla percezione del pericolo, ossia se sei dietro ad un veicolo che scansa il corpo di una persona rovesciata sull’asfalto all’ultimo momento molto probabilmente seguendo questo veicolo che ti copre la visuale non hai la possibilità di fare altrettanto.
    Invece essendosi allontanato ha commesso, il reato di fuga e di omissione di soccorso unitamente a tutti quelli che non hanno fatto nulla accorgendosi del corpo. E questo con tutto quello che ne consegue compreso il ritiro della patente ecc. ecc.

  5. Sub-Commander
    Scritto da Sub-Commander

    questo è ciò che accade x leggi di M…a.
    condoglianze alla famiglia Zuppardi
    nn voglio giustificare il gesto,ma se si fosse fermato o con torto o ragione si ritroverebbe senza patente e con un mare di guai.