IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giusvalla, altre pecore azzannate: indagini in corso e installazione di “fototrappole” per i lupi

Più informazioni su

Giusvalla. Una nuova segnalazione nel Comune di Giusvalla di attacco a un gruppo di pecore da parte di lupi, attacco sul quale sono intervenuti il personale del corpo forestale, della Regione Liguria e dell’Università di Pavia.

Il bilancio dell’aggressione è di una pecora sbranata con morsi al collo, un agnello morto senza ferite ed un altro sul quale sono in corso accertamenti, due pecore ferite al momento inavvicinabili, di cui una con ferite alla gola e l’altra ai fianchi.

I primi accertamenti, vista la tiopologia di aggressione, fanno propendere per un attacco da parte dei lupi, che deve essere ancora confermato dalle indagini ancora in corso, viste anche alcune atipicità delle zone del corpo azzannate. Sono state installate fototrappole per l’eventuale ritorno dei predatori.

Le indagini in corso appureranno in base alla tipologia dell’aggressione e le parti del corpo attaccate: se si tratta effettivamente di un attacco di lupi o di un gruppo di cani randagi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Il proprietario degli ovini uccisi stia calmo e tranquillo perché a seguito della denuncia fatta verrà ampiamente indennizzato dall’assicurazione provinciale sui danni causati dalla fauna selvatica. Inoltre è ancora totalmente da dimostrare che sono stati i lupi (installazione di “fototrappole”). Certi locali del posto dovrebbero trattenere il logo desiderio pruriginoso di imbracciare la doppietta contro gli animali, già mangiano (e rivendono in nero) carne di cinghiale, capriolo e di volatili vari più le specie protette 365 giorni all’anno in barba ai periodi di divieto e alle leggi antibracconaggio. Andate a fondo sulla cosa Guardia Forestale e Polizia Provinciale.