IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Truffa Inter Club, due ore di interrogatorio per Raffaele Uzzauto foto

Più informazioni su

Savona. Ha dichiarato di non aver avuto intenzione di truffare nessuno e, anzi, di essere stato a sua volta raggirato da due misteriosi personaggi. Raffaele Uzzauto, ex presidente dell’Inter Club di Savona, interrogato per circa due ore in procura, ha dato la sua versione circa la maxitruffa da due milioni di euro di cui sarebbe stato l’artefice.

Uzzauto ha detto di non aver voluto truffare alcuno e di essere stato anzi a sua volta truffato da un certo Cacciaguerra, che, millantando un’eredità inesistente, avrebbe spillato circa 300 mila euro a lui e ad altri soci (l’uomo sarebbe poi stato ucciso a Bari in circostanze misteriose). E poi da una “faccendiera” savonese, recentemente finita in carcere per un’inchiesta sull’immigrazione clandestina.

Secondo gli inquirenti, l’indagine è stata condotta dalla polizia dell’ufficio di frontiera marittima, l’ammontare della maxi truffa contestata all’ex presidente dell’Inter Club ammonterebbe a oltre due milioni di euro. Tra i raggirati non ci sono solo savonesi, ma anche persone abitanti a Genova, La Spezia, Milano e Brescia, a dimostrazione che la rete di “investitori” creata da Uzzauto si estendeva anche fuori della provincia. Del resto, grazie anche all’Inter Club, di conoscenze ne aveva e ne coltivava.

Il metodo Uzzauto, secondo la ricostruzione degli investigatori, era un sistema che proponeva investimenti redditizi e che per fare presa sui “clienti” puntava su un brand di prestigio, quello appunto del club milanese, facendo leva sulla fede nerazzurra dei malcapitati, raccoglieva denaro per iniziative legate alla squadra di calcio (cene, i biglietti della partita, i gadget). Ma non c’era solo l’Inter. La polizia marittima, infatti, avrebbe scoperto che alcuni investitori sarebbero stati raggirati con la compravendita di bottiglie di vino pregiato, acquistate da grossisti a prezzi di favore e rivendute a ristoranti e alberghi, sempre con la promessa che le somme imprestate sarebbero state restituite, con tanto di guadagno.

Diversa la versione dei fatti fornita da Uzzauto

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.