IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Condanna a 12 anni per rapina alle poste di Vado: pena ridotta in Appello

Vado L. Condanna confermata, ma pena ridotta. E’ questo il verdetto emesso oggi dalla Corte di Appello di Genova nel processo che vedeva a giudizio Lucio Saggio, cinquantenne condannato in primo grado per una rapina alle Poste di Vado Ligure. Saggio era stato condannato a dodici anni di reclusione, pena che oggi è stata ridotta di tre anni.

Il ricorso in Appello era stato presentato dal legale dell’uomo, l’avvocato Igor Morixe, perché secondo la tesi difensiva le intercettazioni, utilizzate nelle indagini prima e nel processo poi, non sarebbero state autorizzate dal gip. Per la difesa infatti le intercettazioni telefoniche che avrebbero incastrato Saggio (ora in carcere per scontare una condanna a 28 anni di reclusione per l’omicidio di Daniele Carelli avvenuto il primo maggio del 2005 davanti all’Ipercoop) non sarebbero state utilizzabili perché effettuate senza la necessaria autorizzazione del giudice. Gli inquirenti, dopo aver ottenuto il via libera ad eseguirle, avevano affidato il compito ad un’azienda privata, ma senza aver presentato la richiesta ad hoc. Per questo motivo la Cassazione aveva accolto il ricorso del difensore ed aveva riconosciuto che buona parte di quelle intercettazioni non erano utilizzabili.

Proprio il pronunciamento della Cassazione, visto che le intercettazioni sono state utilizzate nel dibattimento, avrebbe potuto far rovesciare il verdetto di primo grado, ma così non è stato. La difesa attende ora di conoscere le motivazioni della sentenza per valutare un eventuale ricorso in Cassazione.

La rapina per la quale Saggio era finito nei guai risale al 19 agosto del 2005: a Vado Ligure, fra le 7,45 e le 8 del mattino, viene preso d’assalto l’ufficio postale. I due banditi, che durante la notte si erano introdotti nell’ufficio, nascondendosi in una stanza al secondo piano, sorprendono direttore e impiegati in coincidenza con l’apertura della cassaforte: si fanno consegnare i 127 mila euro in contanti, destinati al pagamento delle pensioni e fuggono. Dopo poche ore però vengono bloccati: prima il complice di Saggio, Eraldo Alismo, e poi il cinquantenne. Ad incastrare Saggio sarebbero state le tracce di saliva (dalle quali gli investigatori erano risaliti al Dna), rilevate su un passamontagna rinvenuto dalla polizia durante le prime indagini sulla rapina e che lui avrebbe indossato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.