IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Comitato Autorità Portuale, bilancio in salute: nuovi finanziamenti piattaforma e ok ad abbattimento muro Solimano

Savona. Un bilancio solido quello dell’Autorità Portuale di Savona, che risente della crisi ma in modo non drammatico. “E’ stato un anno incoraggiate, nel corso del quale si è ‘seminato’ per migliorare le attività e le basi terminalistiche” afferma il presidente Gianluigi Miazza.

L’odierno Comitato portuale ha approvato il consuntivo 2012, chiuso con un avanzao di oltre 4 milioni di euro e una disponibilità di cassa sui 50 milioni. Operativamente l’anno si è concluso con 13 milioni di tonnellate sbarcate, il 10% in meno rispetto all’anno precedente. Tiene duro il ‘core business’ delle rinfuse liquide e solide, rimaste in pari, mentre sono state le merci varie a calare (-3 milioni) per ragioni legate alle criticità economiche globali e alla riorganizzazione containeristica delle rotte.

Il Comitato ha anche affrontato i temi dell’abbattimento del muro nei cantieri Solimano e del finanziamento alla piattaforma Maersk. Miazza commenta: “Si tratta di un bilancio positivo, che evidenzia un avanzo di gestione e un’Autorità Portuale sana che ha realizzato grossi investimenti con le proprie forze, ovvero circa 3 milioni di euro, 1 milione e 600 dei quali destinati alla nuova sede che verrà consegnata nel 2014. Poi le attività dedicate alle infrastrutture del porto e le manutenzioni”.

Il presidente dell’Authority prosegue: “Altro elemento è la delibera sulla messa in pristino degli ex cantieri Solimano, quindi il muro che taglia in due le nostre spiagge. Abbiamo ricevuto la formale approvazione del Comitato per procedere: faremo una gara per un importo di circa 400 mila euro. Al di là dell’aspetto tecnico, complesso, il risultato sarà quello di una spiaggia che diventerà una più lunghe della Liguria. Il Comune ci ha dato tutte le necessarie autorizzazioni e sostegni”.

“Nel Comitato di oggi è stato anche esaminato il subentro a contratti di mutuo, uno dei tre elementi fondamentali per il finanziamento della piattaforma. Abbiamo ricevuto dal Ministero un decreto che ci autorizza a subentrare nei mutui contratti dalle altre Autorità Portuali che non li hanno spesi per realizzare investimenti. Ci permetterà di ottenere risorse che impiegheremo per la realizzazione della piattaforma. Oltre a questo c’è una parte di erogazione diretta di 25 milioni che ci arrivano, così da completare il quadro complessivo dei finanziamenti alla piattaforma” riferisce Miazza.

“Nel corso del Comitato abbiamo anche parlato di nuove assunzioni nel nostro organico per presidiare in modo adeguato tutti i cantieri che abbiamo, che sono notevoli. Il mio obiettivo è portare a compimento il 95% del Piano Regolatore Portuale. Il 5% mancante è la parte di Funivie, legata al ricorso presentato da Gambardella. I numeri del porto sono numeri importanti: nel 2012 ha dato lavoro a circa 8 mila persone, 2500 delle quali in maniera stabile, cioè persone che lavorano tutti i giorni, creando una vera e propria industria dell’economia locale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Riccardo Ciccione

    A fronte dei dati pubblicati sul traffico merci settoriale dell’anno 2012 a confronto con il 2011
    il porto di Savona è da considerarsi in salute ?

    Traffici marittimi Porto di Savona anno 2012

    Siamo giunti ad inizio d’anno 2013 quindi siamo in possesso dei dati di bilancio dei vari movimenti merci in entrata ed in uscita dell’anno 2012 sull’anno 2011 quindi oltre che ad essere interessante, le stesse indicazioni dovrebbero tracciare una via guida per cercare di migliorare le performance negative e migliorare quelle positive
    e perché no su questa base tracciare anche una via involutiva per il futuro.
    Totale traffico merci 2012 su 2011 -9,17%
    Totale rinfuse liquide 2012 su 2011 – 5,69%
    Totale petrolio greggio 2012 su 2011 – 0,95%
    Totale prodotti raffinati 2012 su 2011 – 21,32%
    Totale altre rinfuse liquide 2012 su 2011 – 55,90%
    Totale rinfuse solide 2012 su 2011 + 5,53%
    Totale minerali 2012 su 2011 – 27,43%
    Totale carboni 2012 su 2011 + 7,76%
    Totale cereali e semi oleosi 2012 su 2011 – 32,60%
    Totale altre rinfuse solide 2012 su 2011 + 54,97
    Totale merci varie 2012 su 2011 – 26,49%
    Totale frutta 2012 su 2011 – 24,74%
    Totale container(t) 2012 su 2011 -32,81%
    Totale acciai 2012 su 2011 – 46,64%
    Totale prodotti forestali 2012 su 2011 + 2,22%
    Totale prodotti rotabili 2012 su 2011 – 23,82%
    Totale container(TEU) 2012 su 2011 – 55,83%
    Totale traffico passeggeri 2012 su 2011 – 7,54%
    Totale crociere 2012 su 2011 – 14,59%
    Totale traghetti 2012 su 2011 + 10,79%
    Totale movimenti per zona Bacino di Savona 2012 su 2011 + 23,18%
    Totale movimenti per zona Bacino di Vado Ligure 2012 su 2011 – 40,48%
    Totale movimenti Rada 2012 su 2011 – 4,60%
    Ovviamente la curiosità fa sì che è lecito prendere visione dei dati degli altri porti
    come Genova – La Spezia – Livorno che sono i maggiori dell’alto Tirreno e con tutta
    sincerità ,malgrado l’evidente crisi globale,Savona ha dati negativi alti al punto,credo,preoccupante sia sul piano commerciale che occupazionale