IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Carige, Berneschi: “Non lasceremo sul lastrico nessuno. E Letta si faccia sentire in Europa”

Più informazioni su

Liguria. “Non lasceremo sul lastrico nessuno dei 400 lavoratori di Carige Assicurazioni e di Carige Vita Nuova”: questa la rassicurazione fornita dal presidente di Banca Carige, Giovanni Berneschi, alle organizzazioni sindacali che in assemblea contestavano il piano di dismissioni del gruppo. “Dobbiamo raggiungere i nuovi parametri di Basilea 3 vendendo le attività non ‘core business’ dell’istituto – ha detto -, dobbiamo ‘darci una botta’ entro il 31 dicembre 2013, perché’ altrimenti il rischio è di nuovo quello di non poter distribuire il dividendo nel 2014. Vogliamo rifondare Banca Carige dal prossimo anno. Ai lavoratori di Carige Assicurazioni e di Carige Vita Nuova dico che non lasceremo per strada nessuno. Forse andranno a stare meglio in una nuova società, magari straniera”.

Banca Carige chiude il bilancio 2012 con un utile netto di 185,7 milioni di euro nonostante la svalutazione da 100 milioni di euro nella partecipazione della compagnia ramo-danni Carige Assicurazioni. E’ il risultato illustrato dal presidente di Banca Carige Giovanni Berneschi all’assemblea dei soci riunita a Genova.

Circa un quarto degli utili, 50 milioni di euro, derivano dai nuovi sportelli acquistati fuori Liguria. Sono stati 80.000 i nuovi conti correnti aperti da Banca Carige nel 2012, 120.000 i nuovi prodotti venduti, il numero delle ‘carte’ è aumentato del 6% (850.000), i clienti che utilizzano almeno due canali sono aumentati del 66%. “L’azienda ha chiuso con 185 milioni di euro di utile – ha sottolineato Berneschi -. Se non ci fosse Basilea 3 oggi avremmo distribuito 185 milioni di dividendi. L’azienda è sana. E’ l’Europa che sta andando a rotoli”.

Poi il governo: “E’ l’ora che incominci l’Era della Reazione. Il governo italiano deve reagire alle regole dell’Europa tedesca. Il Governo Letta mi ha convinto. E’ tempo di farci sentire coi tedeschi”: questo l’invito che il presidente di Banca Carige, Giovanni Berneschi, rivolge al governo Letta in occasione dell’assemblea dei soci. “Il governo Letta mi ha convinto – ha detto Berneschi -. Spero che il ministro Saccomanni ci dia una mano. Ci sono tante riforme fattibili a costo zero, credo che Saccomanni le abbia tutte in testa. Dobbiamo farci sentire dai tedeschi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.