IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, arrestati gli spacciatori più “in voga” della Piana: droga “lombarda” per un giro d’affari di 50 mila euro a settimana foto

Albenga. Erano gli spacciatori più richiesti della Piana. Quelli che potevano offrire “roba buona” in qualsiasi momento e in quantità elevate. Bastava avere a disposizione denaro contante ed era fatta. Perché i quattro erano capaci, oltre all’hashish, di far girare mezzo chilo di cocaina a settimana nell’Albenganese, e anche più a ponente, per un giro d’affari che toccava i 50 mila euro ogni sette giorni.

Marco Fabretti, sanremese di 36 anni, incensurato, era il corriere della droga che, dalla Lombardia, arrivava in Liguria. I suoi tre complici erano tutti marocchini, due dei quali con precedenti specifici: Mohamed El Fellahi e Iliasse Dakiri, entrambi diciottenni, e Rahal Dakar, di 35, tutti residenti a Laigueglia. La loro base era il bosco che si trova tra Albenga e Cisano Sul Neva, nella zona di Torre Pernice, e da cui prende il nome l’operazione “Woods” dei carabinieri del Nucleo Operativo di Albenga, guidati dal capitano Michele Morelli.

Era qui che la banda portava la droga proveniente da Bergamo, la tagliava, e organizzava la vendita. I militari dell’Arma tenevano d’occhio da tempo i quattro, indicati, da voci di paese, come i numeri uno dello spaccio in zona. E infatti è bastato pedinarli per arrivare al loro nascondiglio.

Qui, nelle settimane scorse, i carabinieri hanno trovato 5 chili di hashish e 50 grammi di cocaina, sottraendone di nascosto una quantità sulla quale gli spacciatori non devono essersi fatti troppe domande. Poi hanno atteso il viaggio “lombardo” per tendere una trappola alla banda.

Ieri i carabinieri, travestiti da cacciatori, hanno atteso il momento propizio: mentre due (l’italiano e un marocchino) erano di ritorno da Bergamo con la droga, hanno pedinato gli altri due spacciatori che stavano di guardia nella zona tra Campochiesa e Salea d’Albenga, all’altezza del casello dell’autostrada, dove avveniva la consegna della droga. Di qui, gli arresti e il sequestro di 600 grammi di cocaina.

Gli arrestati avevano dunque escogitato un sistema oliato, utilizzando il corriere italiano, trasportando la cocaina sino a una piazzola dell’autostrada nei pressi di Albenga dove scendevano dal mezzo per infilasi nel bosco mentre gli altri componenti della banda li aspettavano per nascondere lo stupefacente nella fitta vegetazione. I loro accorgimenti non sono però bastati per evitare loro le manette.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Invece al Nord e anche in Liguria la malavita e le cosche non esistono. La camorra, la ‘ndrangheta, la mafia albanese, quella cinese, i trafficanti magrebini arrivano fino a Roma e poi più in su non vengono perchè i “nordici” italiani son tutti puliti, onesti, lavoratori e altruisti.
    Per esempio in quel di Albissola Marina, tanto per fare un esempio in Liguria, l’ex Sindaco Parodi di mazzette non ne ha prese dai costruttori (per carità c’è ancora l’Appello e la Cassazione e volendo anche lo Spirito Santo) e il “boss Aigor Turezin’s” tra un taglio e l’altro…tra un’ossigenzaione verde, una blu, e una arancione qualche stecca o bustina l’ha piazzata…o l’ha riceveva…dipende dai punti di vista..(per carità, anche qui ci sarà l’Appello, la Cassazione e magari anche qui lo Spirito Santo).Eh no eh! La malavita arriva fino a Roma.

  2. Roberto Scarlatta
    Scritto da Roberto Scarlatta

    Quando nella malavita si mischiano il kebab e la pasta al pomodoro col peperoncino, viene fuori un miscuglio velenosissimo! Bravi i carabinieri ma temo che con un governo senza attributi, sia tutto lavoro sprecato: ci vorrebbe nuovamente un super prefetto alla Cesare Mori (con poteri illimitati) .

  3. Scritto da Mattia (Villanova)

    Mi pare non si cerchi di capire che continuare questo gioco GUARDIA-SPACCIATORE sia davvero stupido ed anche inutile, perché fino a quando ci sarà domanda di stupefacenti o altri beni “illegali” ci sarà anche chi sarà pronto ad occuparsi dell’offerta di questi appunto; forse bisognerebbe analizzare come mai molte persone sono portate a drogarsi, cioè ad essere in un stato di dipendenza da…. PS Non sono droghe solo gli stupefacenti, alcol, gioco, ma anche tanti comportamenti sociali spesso accettati.

  4. Scritto da gallinara

    VIVA L’ARMA DEI CC SONO SEMPRE I MEGLIO,E PENSARE CHE QUALCUNO PENSA DI TOGLIERLI.E L’ITALIA CHE CI RAPPRESENTANO NEL MONDO.GRAZIE A TUTTI.-

  5. Scritto da NoNickNoName

    bravi carabinieri, prima o dopo li beccan tutti. il problema è che c’è troppa manovalanza pronta a prenderne il posto. però è importante continuare sempre a reprimere questi fenomeni schifosi