IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dipendenti pubblici: illegittima la trattenuta sul TFR, ecco come avere il rimborso

Liguria. “I lavoratori pubblici hanno diritto alla restituzione del 2,5% dello stipendio trattenuto dagli enti di cui sono dipendenti”. Lo dichiara Calogero Coniglio, delegato regionale della FSI Federazione Sindacati Indipendenti, organizzazione sindacale rappresentativa firmataria del CCNL, con “il sindacato si farà carico delle spese legali dei propri iscritti per ottenere giustizia”.

La Corte Costituzionale ha, infatti, dichiarato – con la sentenza n 223/2012 – illegittima la trattenuta a titolo di rivalsa del 2,50% del TFR operata nelle buste paga dei lavoratori del settore pubblico dall’1 gennaio 2011 a oggi.

Il contenzioso risale al passaggio dal TFS al TFR per i trattamenti di fine servizio o rapporto dei dipendenti pubblici. Col passaggio al TFR (sistema di calcolo dei lavoratori del settore privato), i dipendenti pubblici avevano diritto a essere equiparati a quelli del settore privato, ossia non pagare alcuna quota a loro carico. E, invece gli enti hanno continuato ad addebitare in busta paga un 2,5%, che risale al vecchio sistema di calcolo del trattamento di fine servizio, il TFS.

“Da quasi due anni, a ogni singolo dipendente – Continua Coniglio – sono state trattenute mensilmente dai 30 agli 80 euro. Sarà da vedere, quindi, come il Governo potrà risolvere un contenzioso di così grossa portata. L’unica possibilità che questi soldi tornino nelle mani dei dipendenti è per vie legali, tramite ricorso in tribunale”.

“Per i dipendenti pubblici, procedere singolarmente per vie legali diventa una spesa insostenibile, poiché oltre al compenso del proprio avvocato, bisogna tener conto dei costi relativi al contributo unificato, ai bolli e soprattutto ai tempi tecnici che occorrono alla magistratura per esprimere un giudizio. In questo caso, le segreterie territoriali del Sindacato F.S.I., vanno incontro alle esigenze dei propri iscritti, e si fanno carico delle spese legali per attivare il contenzioso, per il recupero delle somme versate”.

“E’ disponibile, presso le segreterie territoriali, la modulistica per il recupero delle somme trattenute “ingiustamente” e la relativa delega che il lavoratore dovrà’ consegnare, debitamente compilata e sottoscritta, per conferire il mandato ad essere assistiti e rappresentati dalla Segreteria Generale Nazionale FSI/USAE ed inoltrare le diffide alle amministrazioni interessate ed all’Inpdap. Ogni segreteria si impegna a raccogliere le pratiche dei lavoratori, a inviarle all’Inpdap, alle aziende ospedaliere/Asp e alla segreteria nazionale FSI”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.