IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente di caccia a Calvisio: l’ottantenne ferito da un coetaneo che disarmava il fucile

Calvisio. Il proiettile che ha raggiunto G.D., l’ottantenne rimasto ferito durante una battuta di caccia in zona Rugetta, a Calvisio Vecchia, è esploso dal fucile di un compagno di caccia, a sua volta della stessa età. Pare che durante la fase di disarmo sia accidentalmente partito un colpo, che ha trafitto la regione lombare del malcapitato.

L’anziano, residente a Finalpia, è stato raggiunto sul posto da Soccorso Alpino, Forestale, vigili del fuoco e personale dell’automedica Sierra 4. Per ragioni precauzionali è stato anche attivato l’elisoccorso. La pallottola ha facilmente lacerato l’addome, ma per fortuna senza toccare organi vitali. G.D. è arrivato al pronto soccorso del Santa Corona in condizioni critiche, ma non in pericolo di vita.

Erano in quattro durante l’uscita venatoria e nel momento in cui uno dei compagni stava riponendo il fucile, è partito lo sparo. Il percorso del proettile avrebbe potuto avere conseguenze ben peggiori. Il cacciatore ferito è rimasto cosciente durante le procedure di soccorso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dafne85

    Ora ha finalmente capito cosa si prova quando si viene colpito da un proiettile.

  2. Scritto da babynews

    I Controlli non sono Mai Abbastanza…A tutto c’è un Età…!!! Caccia Soprattutto perché con una canna da pesca non di fa Male a nessuno!!!

  3. folgore
    Scritto da folgore

    Ogni giorno muoiono diecine di lavoratori per banali incidenti sul lavoro, dagli operai che muovono l’impalcatura e urtano i cavi elettrici,da chi non indossa i guanti da lavoro e si ferisce, da chi schianta le navi sugli scogli ecc ecc eppure c’è il massimo cordoglio e nessuno dice “guarda quel pirla che non rispettava le regole base della sicurezza”, in questo caso accade un incidente, ovvero un evento accidentale non voluto, non si sa nemmeno il motivo le cause ecc e già tutti a pontificare.
    Concordo, qualora si accerti di sbadataggine, con @Vic sulla necessità di togliere il porto d’armi dopo una certa età o rendere gli esami per i irnnovi più stringenti.
    @secondome mi spieghi cosa c’entra la caccia sempre?! Sei monotono, poteva succede anche al poligono o alla giostra coi fucili ad aria compressa!
    @pepper71, se scrivessi quello che penso di te a valle del commento probabilmente mi censurerebbero all’istante perciò cerco di trattenermi, ma tanta idiozia concentrata in una sola persona è rara da trovare.
    “Finchè si sparano tra di loro va bene,”penso che anche il più becero troglodita al mondo arriverebbe a gioire se una persona spara per errore ad un’altra.
    In una cosa sono d’accordo con gli animalisti, che VEDENDO GENTAGLIA COME TE si preferisce avere a che fare con gli animali!
    La caccia ha senso finchè esisterà la pesca, finchè andrai a comprare i pesci surgelati al supermercato o le braciole dal macellaio, a meno che non mi trovi tordi, cinghiali, caprioli, pernici, merli di allevamento si continuerà ad andare a caccia unico modo per mangiare certi tipi di carne.

  4. sampei29
    Scritto da sampei29

    A tutti quelli che chiedono che la caccia va abolita dopo ogni incidente che si verifica:
    come mai non vi sento chiede di abolire auto o moto?
    oppure l’alpinismo?

  5. Scritto da mariolino

    mi auguro che questo signore che si è beccato una fucilata nella sua degenza in ospedale e nella conseguente sofferenza ( anche se lenita da antidolorifici) MEDITI sulle sofferenze di quei poveri animali che feriti riescono a fuggire per poi morire in preda ad atroci dolori che nessuno mitiga. Non so come questi signori possano dormire la notte sapendo che le loro vittime stanno agonizzando in maniera così atroce. Colgo l’occasione per augurare a questo ottantenne una pronta guarigione ma più che altro un ravvedimento tale da portare ad appendere il fucile al famoso chiodo..!