IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Un campione per amico”, grande festa di sport a Savona: i bimbi allenati per un giorno da Lucchetta, Panatta, Chechi e Graziani foto

Più informazioni su

Savona. Quattro grandi campioni dello sport italiano, una piazza trasformata per un giorno in campo sportivo e tanti bambini. Sono questi gli ingredienti dell’iniziativa “Un Campione per Amico”, voluta da Banca Generali, che oggi è approdata a Savona, in piazza Sisto Quarto, ed ha coinvolto gli alunni delle scuole elementari e medie cittadine. I piccoli sportivi, allenati per un giorno da Adriano Panatta, Andrea Lucchetta, Jury Chechi e Ciccio Graziani, hanno così potuto cimentarsi in prove di tennis, pallavolo, ginnastica e calcio.

Grande entusiasmo ha accompagnato l’arrivo dei quattro sportivi d’eccezione in piazza Sisto: i bambini, armati di penne e macchine fotografiche, prima di scendere in campo, hanno letteralmente assaltato i loro beniamini per avere un’autografo e una foto. Poi, poco dopo le 10, l’evento è entrato nel vivo e su tutti i terreni di gioco si è cominciato a giocare.

“La giornata è bellissima e devo dire che Savona ha risposto molto bene – ha commentato Panatta -. Siamo riusciti a montare tutto e sarà una bella giornata di allegria e sport. ‘Banca Generali Un campione per lo sport’ è una manifestazione che serve soprattutto per regalare una giornata di svago e sport ai ragazzi. Senza stress e pressioni, ma solo mirata a lasciare un bel ricordo ai bambini e, forse, anche da stimolo per fare attività fisica che sia tennis, pallavolo, calcio, ginnastica o altro per noi è lo stesso”.

“Sta andando benissimo e Savona ci ha accolto molto bene. C’è un tempo meraviglioso che è l’ideale per noi e per i bambini. Anche quest’anno facciamo questo grande tour e diamo la possibilità ai bambini di passare una giornata diversa. Poi lo sappiamo tutti che per loro basta saltare scuola ed è già festa, in più vengono anche a giocare con noi e si divertono. Per noi è bello: si socializza e si danno consigli” racconta Ciccio Graziani.

Il campione di Spagna ’82 ha voluto sottolineare l’importanza di questa manifestazione anche a livello educativo: “Purtroppo con questa iniziativa incontriamo troppi bambini che non fanno sport e che sono troppo grassottelli perché mangiano troppo e male. Nel nostro piccolo allora cerchiamo di dargli consigli e il bello è che spesso tanti di questi ragazzi vanno a casa e chiedono alla mamma e al papà di iniziare a fare qualcosa. E questo ci fa enormemente piacere perché vuol dire che il nostro incontro serve a qualcosa”.

“E’ un’esperienza meravigliosa che ormai si porta avanti da diversi anni. L’obiettivo è quello di far divertire e giocare tanti bambini in diverse piazze italiane facendogli capire che l’attività motoria e lo sport sono una buona occasione per formarci, diventare più grandi e, perché no, persone migliori. In questo progetto ci aiuta Banca Generali perché senza l’intervento di questi privati che danno una mano per finanziare progetti come questi non ce la potremmo fare. Visto che secondo me nelle scuole si fa poca attività motoria ben vengano queste iniziative” ha spiegato Juri Chechi.

L’ex ginnasta rivolgendosi ai ragazzi ha detto: “Il mio consiglio è fare del movimento, dell’attività sportiva e dopo la scuola non fermarsi solo a giocare con i videogames, ma anche andare in palestra e a fare sport all’aria aperta perché credo che ci sia davvero bisogno di fare più attività motoria”.

Anche Andrea Lucchetta, amatissimo dai bambini, ha commentato con soddisfazione la buona riuscita dell’evento: “Penso che venire nella propria città e trovare un villaggio che ti accoglie con musica, divertimento e voglia di condividere lo sport con quattro campioni del mondo, che mettono la loro esperienza al servizio dei bimbi, sia un buon modo per permettere loro di portarsi qualcosa a casa e di trasformare un divertimento in passione. Questa manifestazione, attraverso il Comitato italiano paralimpico, dà l’opportunità di unire lo sport per tutti senza barriere ed è questo il messaggio più bello che riusciamo a portare qui oggi”.

“Attraverso il divertimento i bambini riescono a capire come si sta bene facendo attività fisica e questa è la cosa più bella. Quando un bambino in palestra non si diverte, rimane sul divano di casa prigioniero di un mondo virtuale e non riesce a spendere tutte le sue energie. Questo è quello che noi vogliamo che non accada” ha concluso Lucchetta.

“E’ un’idea nata quattro anni fa, loro già la sviluppavano con un’altra società e noi abbiamo ritenuto di portarla avanti – spiega Filippo Di Leone responsabile Nordovest di Banca Generali, l’istituto promotore della manifestazione -. Lo sport è basilare e spesso vediamo che nelle scuole viene un pò trascurato. Portarlo in piazza con campioni del passato, ma che comunque lo sono ancora adesso, per la Banca è importante, soprattutto per l’aspetto sociale. Quest’anno abbiamo coinvolto anche i diversabili perché ci tenevamo e ci piace vedere l’entusiasmo che questa iniziativa lascia nelle piazze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.