IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, il 23 maggio il taglio del nastro del McDonald’s e McDrive

Più informazioni su

Savona. A distanza di 27 anni dall’apertura del primo McDonald’s in Italia, avvenuta a Bolzano nel lontano 1985, mercoledì 23 maggio inaugurerà ufficialmente il primo ristorante della catena americana nella provincia di Savona, una delle ultime non ancora “contagiate” dal “Big Mac”. La catena è presente in 20 regioni e 95 province, Savona sarà la 96ma.

Il locale ubicato nel parco commerciale delle Officine sarà”tra i più moderni e tecnologici presenti in Italia” assicurano i responsabili. All’interno del ristorante troverà posto anche il McCafé, uno spazio completamente dedicato al caffè e ai prodotti dolci e sarà possibile anche ordinare e consumare senza scendere dall’auto grazie alla pista McDrive.

“McDonald’s offre lavoro a circa 1,7 milioni di persone in tutto il mondo, di cui oltre 15.500 in Italia. Ogni nuovo ristorante crea in media 35 nuovi posti di lavoro, a tempo pieno o part-time: ciò significa nuove opportunità professionali soprattutto per i giovani che spesso, proprio da McDonald’s, fanno la loro prima esperienza lavorativa. E, di questi tempi, chi crea lavoro non può essere che ben accetto” sottolineano i responsabili.

“McDonald’s Italia ha ottenuto quest’anno, per la quinta volta, il riconoscimento di Best Workplace: l’indagine che Great Place to Work® Institute Italia effettua annualmente per rilevare le migliori realtà lavorative in Italia e ha ottenuto il 5° posto nella classifica Large Companies” concludono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    @ lui se il tipo prima ti fa un prezzo poi a distanza di tempo il prezzo scende di parecchio forse hai sbagliato tu a scegliere. Scusami ma io diffido dai clienti che dicono quando il prezzo è quello giusto ( classico dei Milanesi ahahahahahah) dei mie contatti di lavoro molti sono lombardi e i primi che taglio sono quelli che ti chiamano e credono di fare loro il prezzo credendo di sfamarmi, certamente non sarà il tuo caso, ma io normalmente quando mi si dice che quello voluto dal cliente è il prezzo giusto faccio delle belle passegiate con mia moglie e altri fanno il lavoro.
    @rocch che fai ti contraddici da solo? Se il prezzo lo fa la domanda e l’offerta come mai con tutte le colate di cemento di questi ultimi anni con numerosi appartamenti invenduti i prezzi sono alti e si continua a costruire?

  2. Scritto da rocch

    jchnusa…non penso che il problema sia che i milanesi o furesti si divertano a far salire i prezzi…é la legge della domanda e dell’offerta…..Se l’offerta di servizi e beni é più limitata costano di più…se é aperta, tendono a costare meno, con gli aspetti positivi e negativi della regolazione…Il problema é che un conto sono i beni od i servizi privati, un conto é il territorio ed il suo sviluppo. Su questo purtroppo e non da ieri o l’altro ieri, la Liguria si é giocata il suo sviluppo lasciando mano libera all’edilizia privata di seconde case….anziché sviluppare un’economia del turismo che necessitava di una consapevolezza ed una visione più ampia che non fosse quella dei proventi straordinari (di fatto ordinari) per privati ed istituzioni locali.

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    ciao jchnusa
    hai anche ragione …. ma il problema non e’ il costo un po’ piu’ alto …
    e’ una cosa abbastanza accettabile ..
    .
    mi spiego con un esempio ..
    “A” mi fa’ un preventivo diversi anni fa’ …… assurdo (qui richiesta doppia rispetto a Milano … lavoro non eseguito …. poche sono le cose indispensabili …… risultato …. meno soldi che circolano)
    .
    la primavera scorsa altro lavoro … mi arriva un altro preventivo (assurdo)
    torno da “A” salutandolo come un conoscente di lunga data ……”eccomi di nuovo qui ……. ecc. ecc. ” …… viene a vedere il nuovo lavoro ed il preventivo e’ giusto …. il lavoro e’ stato fatto ……
    .
    Probabilmente bisogna evitare di “pensare” che davanti a noi vi e’ il “pollo da spennare” … se si esce da questo modo di pensare poi si finisce …. a star meglio tutti.
    .
    La lievitazione dei prezzi e’ un fenomeno che non si puo’ attribuire a questo a a quello …. avviene …… il mio primo stipendio era di 32.500 lire al mese ….. e con quello stipendio mi sono comprato a rate una 500 giardinetta …..
    .
    E’ un altro il fenomeno che crea danni ….. e si lega all’immigrazione ….
    arrivano …. comprano a prezzi assurdi …..
    con mutui concessi senza un limite di decenza …
    e poi …
    non fanno onore ai propri impegni …..
    e con il nostro sistema giudicante passano piu’ di dieci anni per ottenere la vendita all’asta dell’appartamento
    e prima di venir venduto passano altri anni ….
    e quando finalmente si vende ….
    il “parassita” e’ sempre li’ che occupa ormai senza alcun diritto da sei mesi …..
    .
    Vedi …. non lamentarti se chi arriva in questa regione poi rispetta (spesso non rispettato) le regole vigenti …..
    .
    PS.
    mi sorge un dubbio …… ma chi ci guadagna dal disservizio che lo Stato mette a disposizione?
    .
    il primo colpevole:
    – l’acquirente …. aveva pochi quattrini e con quelli ha fatto un mutuo che ha onorato solo in parte …. altre spese non le ha onorate …. alla fine si trovera’ “forse” in mezzo ad una strada .. ma probabilmente noi che siamo buoni gli offriremo una casa popolare …. ottimo affare ..
    .
    il secondo colpevole:
    – la banca …… ha concesso un prestito senza badare alla possibilita’ di avere indietro i quattrini ….. permettendo all’acquirente di danneggiare i suoi vicini che per un decennio hanno pagato “anche” le spese per la conservazione dell’appartamento “della banca” …. come risulta a fine operazione …….. la banca viene soddisfatta per prima dei suoi crediti e visto che “lo Stato” gli permette di mettere una ipoteca doppia rispetto al valore prestato …. non ci rimette nulla …….. ottimo affare ….
    .
    il terzo colpevole ….
    – lo Stato ….. (che usa i nostri soldi per difendere se stesso e basta)
    qui la cosa e’ evidente ….
    con i prezzi lievitati artificiosamente da irresponsabili che fanno debiti non onorabili e da banche che offrono mutui ben sapendo che …. non verranno onorati ….. con questi prezzi alzati “incassa di piu’ …..” (ed usa questi “valori di mercato” sbagliati … per alzare le tasse patrimoniali poste sugli immobili) …. e questi quattrini li prende subito …..
    e durante tutto il percorso di chiusura del contratto che non si doveva fare …..
    incassa “tanti” quattrini … e li incassa anche alla fine quando va’ all’asta l’appartamento ….
    (fatto questo ….. quando ormai non vi sono piu’ soldi da prendere … tutto si ferma nuovamente ….. e l’occupante …. continua a occupare l’appartamento ormai non piu’ suo)
    qui …. non si fa’ nulla e si incassa tantissimo ….. ottimo affare …
    .
    trascuriamo …. il venditore …. il notaio …. l’agenzia ….. ed arriviamo a chi ci rimette ..

    Qui siamo sempre noi ….. i tartassati che si sono stufati di questa inettitudine.
    .
    Ma qualche idea …. ci sarebbe ….
    una sorta di “garanzia decennale …. sulla vendita …..
    una garanzia di quanti guadagnano ….. se il rapporto non funziona ….
    se nei primi dieci anni dalla vendita … l’acquirente non onora i suoi impegni ….
    si chiedono i soldi al notaio …..
    che “pagato da chi compra ….” lo rappresenta e dovrebbe essere Lui il garante per l’acquirente ……
    in fase di vendita dovrebbe stabilire le percentuali di responsabilita’ di tutti i partecipanti alla operazione …. responsabili in solido ….
    l’amministratore del condominio quando non ottiene il pagamento dal nuovo arrivato …. lo segnala al notaio “garante” …. ed a Lui si rivolge per ottenere l’immediato saldo del debito …. sara’ il notaio a ripartire la cifra fra gli altri “corresponsabili” …. (anche lo Stato).

    Ma ….. vi e’ anche una variante …. visto che lo Stato (che ci guadagna dal disservizio) ha una struttura di recupero crediti fin troppo efficiente ………..
    ecco la garanzia potrebbe essere li’ …. per i primi dieci anni dalla transazione che ha messo un nuovo condomino in un contesto ….. l’amministratore manda le rate non onorate alla struttura dello Stato incaricata degli incassi …….. (cosi’ ne guadagna in accattabilita’…).
    .
    Che bello ….. se fosse cosi’

  4. stellinaargentata
    Scritto da stellinaargentata

    Poliedric e scommetto che tu la spesa non la fai la pasta te la fai in casa la carne vai a cacciare le conserve te le fai tu e non spendi 1 euro per far la spesa.perchè x parlare di conservanti e roba varia l’unico è che tu ti fai tutto in casa xkè se no sono solo parole tanto per

  5. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    Caro Lui ha perfettamente ragione noi qui siamo più cari e te lo dice uno che è nel settore delle ristrutturazioni da 30 anni, ma sai perché siamo più cari? Perché grazie appunto ai milanesi che con la loro mania di grandezza hanno fatto lievitare i prezzi alle stelle, se un appartamento vale 100 grazie a loro vale 200, e noi questi prezzi li subbiamo tutto l’anno qui costa tutto di più dai materiali di costruzione al pane, quindi fai bene ad ordinare i lavori dalle ditte di milano , ma ti consiglio visto che la buona colpa di questi prezzi è anche vostra di andare al mare a milano, non me ne volere non è un attacco personale ma sai ci si stufa di sentire sempre accusare noi per i prezzi e poi non rendersi conto che chi si lamenta è anche in parte causa di questa situazione