IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rinvio del riparto sanità, l’assessore Montaldo: “E’ inaccettabile”

Regione. “Il rinvio del riparto del fondo sanitario nazionale da parte del Ministero dell’Economia è inaccettabile per le regioni. Si tratta di un fatto molto grave anche in considerazione dell’accordo che era già stato in parte stipulato tra le Regioni e il Ministero della salute che complica ulteriormente la situazione a livello locale”. Lo ha detto l’assessore regionale alla salute Claudio Montaldo a seguito del rinvio dell’assegnazione delle risorse del fondo sanitario nazionale da parte del Governo e del conseguente abbandono del tavolo della conferenza delle regioni da parte di queste ultime.

“L’atto che è avvenuto oggi – ha spiegato l’assessore alla salute della Regione Liguria – è senza spiegazioni. Da alcune illazioni risulterebbe però che il Governo stia pensando ad un taglio di 1 miliardo e mezzo di fondi vincolati, cioè risorse assegnate al servizio sanitario nazionale destinate a specifiche attività, ma ugualmente parte integrante del finanziamento a disposizione di tutte le regioni”. Secondo l’assessore alla salute della Liguria “è molto grave che a metà anno quando le regioni hanno già deciso le loro spese sanitarie e sono in attesa di ricevere le risorse dallo Stato, il Governo abbia rinviato la discussione”.

“L’esecutivo – continua Montaldo – deve capire che le Regioni hanno un pari ruolo costituzionale con lo Stato e non possono solo prendere direttive. A questo si aggiunge il fatto che tutti i territori sono impegnati in uno sforzo straordinario per la riduzione della spesa su cui cadrebbe come una mannaia un taglio ulteriore che si andrebbe ad aggiungere a quello deciso dal precedente Governo per gli anni 2013-2014 per un ammontare di 8 miliardi di euro”.

Tagli insostenibili, secondo Montaldo, ancora di più se si pensa che orami la programmazione sanitaria è già stata fatta e si è a metà anno. “La sanità ormai – conclude l’assessore – non è più comprimibile e il Governo deve avere un’attenzione adeguata allo sforzo che le Regioni stanno compiendo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da poliedrik

    ,,,andeghelu a dì ai vostri socci che rezzan a cuùa au guvernu!
    A’ strattegia a me pà’ abastansa evidente: da na parte u ministru da sanité u và a Ginevra a dì che a sanitè universale a l’è imprisscindibbile e che u uelfar u nu se poè tuccà e dal’atra parte spuncian pe’ svende a sanitè pubblica ai speculaturi asicurativi vistu che a finansa a deve andà avanti,,, pesegheve bén a apuggià sticchì che oennan purtane tutti a diventà schiavi cumme in tu mediuevu.
    A strattegia de negave i finasiamenti a l’è urmai ciuttostu ciieéa: dà n’atru spunciun a-a’ sanitè privà e ai soè speculaturi,,, ti ghe métti tantu a capilu?
    L’unnica strradda a l’é quella de fà’satà u bancu primma cu sejjie troppu tardi,,, fà cumme Pilatu u nu me pà currettu,,,miìa ‘n po’ tì,,,