IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, travolta da una Smart mentre attraversa la strada: 70enne al Santa Corona foto

Più informazioni su

Pietra Ligure. Disavventura sull’asfalto per un’anziana donna che, dopo aver acquistato uno yogurt da gustare in spiaggia, attraversando la strada è stata travolta da un’auto. L’impatto è avvenuto sull’Aurelia, in corso Italia: una Smart, nonostante la brusca frenata, non ha evitato la pensionata, ma l’ha centrata scaraventandola a circa tre metri dal luogo dell’investimento.

La donna 70enne, che stava tornando al mare dopo aver aquistato uno yogurt in un negozio all’altro lato della strada, ha sbattuto violentemente il capo sul sedime stradale, procurandosi delle escoriazioni su tutto il lato sinistro del corpo.

La conducente che era alla guida del veicolo è scesa immediatamente per sincerarsi delle condizioni dell’anziana, ed è scoppiata in lacrime per lo choc. Sul posto sono intervenuti i militi di Pietra Soccorso e la polizia municipale per i rilievi del caso.

Anche il marito della 70enne investita è accorso sull’Aurelia, richiamato da alcuni amici che hanno assistito all’incidente: gli amici stessi sono andati a cercarlo in spiaggia, dove attendeva il ritorno della moglie, senza alcuna idea di quanto fosse accaduto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. F.F.
    Scritto da F.F.

    @folgore: concordo in pieno!

  2. folgore
    Scritto da folgore

    @wolfsam pienamente d’accordo sulle patenti e sul discorso dei segnalatori acustici e visivi, anche se permettimi di spezzare una lancia a favore di chi guida dicendo che spesso non sta a noi giudicare se ci sia o meno la necessità di usarli quello lo può sapere solo chi in quel momento sta sull’ambulanza, e che come dimostra l’incidente della croce bianca Finale di fronte a certi idioti nemmeno lampeggianti e sirene bastano perchè costoro nella smania di sorpassare e guadagnare qualche secondo rischiano di perdere una vita!
    Per il resto sul discorso strade la colpa è da dividere a metà, da un lato si potrebbe comprare un navigatore da installare sulle macchine ma dall’altro se spesso non si trovano gli indirizzi non è solo colpa dei militi, è colpa in primis di chi telefona al 118 che o li da sbagliati, incompleti, con i nomi vecchi delle vie ecc, poi della centrale che spesso indirizza le ambulanze di paesi che distano 3-4km invece di quelle del posto perchè non conosce il territorio e non sa di chi sia la competenza su un quartiere.
    Da ultimo non si esclude la colpa dell’autista che preso dalla foga dovrebbe per lo meno vedere i parenti in strada i quali dovrebbero esserci sempre e non aspettare che gli si arrivi sull’uscio di casa per mettere il naso fuori.

  3. wolfsam
    Scritto da wolfsam

    Io mi chiedo se le varie P.A sul territorio leggono le direttive emanate dai vari Ministeri competenti ove discipliano la materia e vietano l’uso dei dispositivi in varie occasioni e dispongono con quali priorità devono essere usati , vero che speso sono autorizzati da 118 e allora mi richiedo se a loro volta gli operatori sno preparati per questo compito????Da savona a giungere xxmiglia sfrecciano veicoli di soccorso spesso senza necessita con tali dispositivi accesi ignorando poi regole CdS e spesso poi si vedono risultati a esto punto mi chiedo nuovamente a quando un vero esame per accertare le capacità degli autisti e se hanno requisiti necessari,, e diventata la riviera delle sirene troppo spesso utilizzate iniquamente e ingiustificatamente anche quando dicicamo così dire autorizzate superiormente, resto dell’idea che solo l’operatore che sta eseguendo soccorso noti reale necessita di tale uso e non altri….Per finire un piccolo gps costa mediamente circa sui 100 Euro si eviterebbe di vedere scene tipo quella che ho assistito di persona quando mia moglie con rottura acque i già stato di gravidanza rischio e debitamente informato 118 sulla localitaà e gravità vedersi passare ambulanza davanti agli occhi percheè persa nei meandi del paese???
    Scena vista di nuovo settimana scorsa in altro episodio ove l’ambulanza nonostante sbracci e urla persone a continuato corsa tornado poi solo poco dopo avendo fortunatamente intuito Solo cdopo che il sindaco del paese li ha rincorsi che avevano abbondantemente superato il luogo destinazione ….ma cosè oggi le comiche??? fatti visti e vissuti dallo scrivente e attribuibili a ben due distinte P.A.e a sto punto che dire si e vero tutto il resto e aria fritta ma i fatti restano……..Oggi mi girano scusate.-

  4. folgore
    Scritto da folgore

    @F.F. si si hai perfettamente ragione addirittura oltre alle scarpe non indossava nemmeno i pantaloni della divisa, altra cosa che spesso si dimentica.
    Concordo e ribadisco il malcostume di non pensare che i DPI siano utili e fondamentali ahinoi è diffuso ovunque (PA, CRI ecc senza distinzioni!!!) da qui nasceva il mio primo commento che molti a parte te e pochi altri hanno come sempre travisato.

  5. F.F.
    Scritto da F.F.

    @folgore: intendevo foto 28/31 per l’esattezza…sul resto non posso che concordare con te.