IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio: martedì i lavoratori pronti a sciopero e corteo, “no a revisione del piano industriale”

Finale L. In caso di una esito negativo dell’incontro previsto per lunedì 4 giugno, tra direzione aziendale, Rsu sindacale ed organizzazioni sindacali di categoria, i lavoratori della Piaggio Aero Industries sono pronti a manifestare, con sciopero e corteo per le vie di Finale Ligure.

L’annuncio della possibile iniziativa di protesta, che scatterebbe nella mattinata di martedì 5 giugno, è stato dato oggi dopo la preoccupazione espressa in merito a carichi di lavoro e livelli di produzione per il 2012, nell’ambito della revisione del piano industriale con la riduzione delle vendite del velivolo P180 e lo spettro della riapertura della cassa integrazione straordinaria.

“Siamo contrari ad una revisione dei piani dell’azienda e ad un ritorno di misure di ammortizzatori sociali che tra gli stabilimenti di Sestri e Finale riguarderebbe oltre 300 lavoratori. Auspichiamo un confronto positivo per evitare altre tensioni e vedere assieme le possibili soluzioni” dicono i sindacati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rocch

    Filippo sono d’accordo con te. Ma non é condizionante. Occorre un piano di sviluppo in prospettiva futura a prescindere, come direbbe Totò…Non conosco nulla del mondo aeronautico ma del P180 ne leggo da 20 anni….come se si sentisse parlare solo di un modello di auto, moto, etc per decenni….

  2. Filippo
    Scritto da Filippo

    @rocch la costruzione di centinaia di immobili a Finale è permessa solo ed esclusivamente per salvaguardare i posti di lavoro costruendo il nuovo stabilimento con i proventi dell’operazione edilizia, senza che la Piaggio spenda un euro, se gli accordi sulla salvaguardia dei posti di lavoro non vengono mantenuti l’operazione immobiliare non può e non deve partire, altrimenti è pura speculazione edilizia.

  3. Scritto da secondome

    Ma la Piaggio non voleva il trasferimento a Villanova per far fronte alle nuove produzioni?
    Adesso si scopre che si riduce la produzione e lascia a casa i lavoratori?
    Qualcosa non quadra.
    L’operazione su Finale stà dimostrando sempre più di essere una grande speculazione a danno della Città.

  4. Scritto da rocch

    Nel 2012 pensare di trattenere la Piaggio a Finale Ligure é un po’ come pensare in retrospettiva a 20 anni fa, nel momento in cui chiusero la base di Pian dei Corsi, di minacciare di passare con i Paesi del Patto di Varsavia se fosse stata chiusa…

  5. Scritto da rocch

    Non penso che creando precarietà sullo spostamento dell’azienda si migliori il piano industriale…