IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, sette incontri sulla maternità

Più informazioni su

Loano. Al via un ciclo di sette incontri che si svolgono di mattina, dalle 10 alle 12, nel Giardino del Principe a Loano, da sabato 12 maggio, dedicati alle donne in attesa ed ai compagni, a neo-mamme e papà, a i genitori e a coloro che si interessano ai temi di gravidanza, parto e prima infanzia.

“Uno degli scopi principali del corso è quello di risvegliare nelle donne l’antica fiducia in se stesse, nella loro natura femminile, nella loro capacità di coltivare in grembo una vita perfetta. E’ l’antica sapienza che è ancora profondamente iscritta nella nostra memoria cellulare”. E’ il commento della dottoressa Barbara Visentini, sociologa e mediatrice famigliare e continua: “Abbiamo ripreso la figura della ‘Doula.’ La ‘Doula’ è una donna che accompagna la madre. Il termine ‘Doula’ è stato preso dal greco antico in cui letteralmente vuol dire ‘schiava’, ma recentemente si è diffuso in tutto il mondo, a partire dall’America, con il significato di ‘donna che serve un’altra donna’. A noi piace di più l’espressione ‘custode della nascita’”.

Tutti gli incontri si pongono come occasione per mettere in moto esperienze, emozioni e conoscenze, ognuna secondo i propri vissuti di vita o professionali. Quindi molto dipenderà da quello che, chi parteciperà, tirerà fuori. A ogni incontro saranno predisposti libri e articoli per la consultazione. La mattina del 12 maggio, Sonia Enrico (mamma e gestalt-counselor integrato) e Soleada Vassallo (mamma e ‘doula’) parleranno di “gravidanza-consapevole”. “Attraverso le esperienze di ognuno cercheremo di far affiorare quali sono i bisogni primari di una donna in gravidanza, ad esempio il bisogno di serenità, di protezione, di positivo, come pure il bisogno di calarsi in se stessa. Riflessioni sull’importanza che il tempo di attesa sia protetto dalle situazioni che creano ansia. La relazione prenatale: entrare in contatto col bambino nel proprio ventre”, dice la Visentini.
Il 19 maggio è la volta di: “Io so partorire quali sono i bisogni di una donna durante il travaglio e il parto”. Per proseguire il 26 maggio con “Imprinting. Non disturbate il primo incontro” Spiega Barbara Visentini: “Il momento immediatamente dopo la nascita è un momento estremamente particolare, in cui la madre e il bambino si trovano in una situazione ormonale irripetibile, con tutti i canali aperti perché si instauri una relazione di interdipendenza reciproca. Importanza del non disturbare questo momento. Permettere alla madre di conoscere il suo bambino, di godere del contatto pelle a pelle, in totale intimità senza interferenze e senza fretta, rimandando qualsiasi pratica non immediatamente necessaria, come le misurazioni di rito, il bagnetto, il prelievo di sangue.

Il primo giugno sarà trattato il tema “I bisogni non sono vizi”. “Tenere in braccio, allattare ogni volta che il bambino lo vuole, dormire insieme… sono davvero vizi? Perché portare in fascia? I benefici del portare. Come utilizzare i vari supporti, tra cui fasce lunghe e corte, zainetti strutturati. Dimostrazioni pratiche”spiagano Soleada Vassallo e Sonia Enrico,conduttrici degli incontri. Il 9 giugno il tema sarà: “Nutrirsi al seno, litri d’amore” ovvero: “Come predisporre una situazione che permetta a una donna (soprattutto alla prima esperienza) di allattare senza difficoltà. Come viviamo l’allattamento? Come ci sentiamo quando allattiamo? Ci sono delle contraddizioni tra quello che è il nostro sentire e quello che ci dice invece la mente razionale? Quando non viviamo più con piacere l’allattamento, quanto siamo condizionate dall’ambiente esterno, dalle persone che ci circondano, dalla cultura e dai nostri stessi vissuti?”, spiega la dottoressa.

Il 16 giugno si tratterà: “L’amore incondizionato, una relazione nutriente”. Per finire il 23 giugno con: “Il bambino è una persona: l’importanza della comunicazione efficace nel rapporto genitori-figli”. “Si tratta di un appuntamento importante per tutti coloro a a vario modo si avvicinano a quel miracolo di madre natura che è la maternità”, conclude la dottoressa Visentini. L’iniziativa è della Cooperativa Iso con il patrocinio del Comune di Loano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.