IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lega Nord Albenga: raccolte centinaia di firme ai gazebo allestiti ieri foto

Albenga. “Sono centinaia le persone che, nella giornata di ieri, dalle ore 9 alle ore 19, si sono fermate ai gazebo allestiti dalla sezione di Albenga della Lega Nord, per porre la propria firma sulle proposte di legge di iniziativa popolare promosse dal movimento”. A riferirlo sono gli esponenti del Partito del Carroccio ingauno.

La mattina nei punti raccolta di Vadino, Pontelungo e Piazza del Popolo, al pomeriggio concentratisi nella centralissima piazza cittadina, sono stati tantissimi i cittadini albenganesi che hanno fatto visita ai gazebo, accolti dai militanti e dai sostenitori della sezione ingauna, per firmare le relazioni parlamentari illustrative riguardanti diversi temi, tra cui: garanzia del credito a famiglie e imprese: separazione tra credito produttivo e attività finanziaria speculativa; TFR in busta e prestito del lavoro; busta paga pesante: abolizione del sostituto d’imposta; disposizioni atte a garantire l’autonomia finanziaria dei comuni, delle province e delle regioni; attribuzione dell’IMU ai comuni e abrogazione dell’imposta sulla prima casa; misure dirette ad evitare l’infiltrazione mafiosa nei territori padani; tutela della sovranità popolare; trasformazione in senso federale dello Stato e tagli alla spesa pubblica; federalismo fiscale portuale: attribuzione al porto di Genova e ai porti di interesse internazionale di quote del gettito derivante dai tributi erariali; garanzia delle pensioni di anzianità con quaranta anni di contributi e delle pensioni di vecchiaia.

Al gazebo – al quale, oltre al segretario cittadino Giuliano Caleffi, erano presenti il Sindaco di Albenga Rosy Guarnieri e l’Assessore Carlo Parodi, il capogruppo Lega Nord in Consiglio Comunale ad Albenga Sergio Savoré, il Sindaco di Zuccarello Stefano Mai, l’assessore di Vendone Andrea Bronda e l’assessore di Garlenda Alessandro Navone – ha fatto visita, nel pomeriggio, anche il Segretario Nazionale della Lega Nord Liguria Sonia Viale.

“La raccolta firme è stata un successo clamoroso – commenta con soddisfazione il segretario Caleffi – Moltissimi cittadini sono passati dal gazebo per firmare, per mettere nero su bianco il loro malcontento nei confronti del governo Monti e di tasse inique come l’IMU. Continuiamo la nostra lotta per il territorio, come sempre vicini alla gente: grazie ai militanti ed ai moltissimi sostenitori della sezione di Albenga, che come sempre hanno dimostrato il loro grande attaccamento al movimento ed alle sue istanze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ed barnes

    Ecco cos’era!!! Ed io che pensavo fosse la festa di laurea del trota….

  2. W.W.
    Scritto da W.W.

    Senza voler entrare nel merito dell’iniziativa e, visto che i soliti noti si sono posizionati
    per le foto di rito, sommessamente vorrei dare loro un consiglio: la prossima vota che fate
    foto del genere invitate quanti più iscritti, amici o parenti che potete.
    Vedrete che le foto avranno un impatto diverso.

  3. Bandito
    Scritto da Bandito

    Sono contento di vedere che malgrado gli scandali c’è ancora gente che non si lascia scoraggiare ed appoggia il programma della lega. Visto il crescente “amore” verso il governo Monti ed i partiti che lo appoggiano non credo che la loro strada si sia già conclusa.

  4. Scritto da secondome

    @protesta,
    su questi fatti bisogna essere più precisi.
    I secessionismi balcanici hanno provocato circa 100.000 morti tra il 1992 e il 1995 :
    63.687 bosniaci,24.216 serbi,5057 croati e si stà esaminando ancora la lista di altre 5000 persone (donne,bambini,vecchi).
    Quando si da spazio all’odio tra popolazioni confinanti non si sa mai dove si va a finire.
    E pensare che erano popolazioni dove c’erano già moltissimi matrimoni misti e un’economia abbastanza simile.

  5. Scritto da protesta

    @secondomè:la Sua osservazione è pienamente legittima,la invito a riflettere sulla “balcanizzazione”dell’Italia…Non serve la Lega a dimostrarla,sono bensì 150 anni che c’è.