IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incontro Aurelia Bis, Vivi Albissola: “Non ci hanno convocato”, critiche anche da Forzano (Casello Albamare)

Albissola. Polemica da parte dei consiglieri di opposizione di Albissola Marina per la mancata convocazione degli esponenti della minoranza albissolese alla riunione in Comune ad Albisola con al centro il progetto dell’Aurelia bis, sul futuro dello svincolo Margonara e sulla sua prosecuzione verso Celle Ligure.

“Ricordiamo al sindaco Vincenzi che in Consiglio Comunale è stata votata una delibera in cui si richiedeva la convocazione di un tavolo di concertazione (anche in questo caso congiunto con Albisola Superiore) rappresentativo di tutte le componenti consiliari e finalizzato all’ottimizzazione del progetto “Aurelia bis”. La invitiamo a rispettare gli impegni assunti dal Consiglio comunale” si legge in una nota del gruppo Vivi Albissola.

Sull’incontro critiche sono arrivate dal presidente del Comitato Casello Albamare Paolo Forzano, che ha precisato: “L’ing. Zirilli di Anas ha spiegato che il cantiere Aurelia bis è stato consegnato il 15 febbraio 2012 pertanto ufficialmente l’attività è partita e dovrebbe contrattualmente terminare a dicembre 2015. Per quanto attiene allo svincolo Margonara ha detto che ci sono in corso “attività” per vedere di poter inserire questa uscita intermedia che consentirebbe a chi entra a Luceto di uscire in direzione Savona centro, ma non ha detto che queste attività sono ad un qualche livello “progettuale” quindi c’è da dedurre che siano solo “ipotesi” di lavoro, e pertanto ancora lontano dal poter essere realizzabili”.

“Zirilli ha precisato che c’è una certa riserva di denaro, in ogni caso ben distante dal costo dello svincolo. Ed allora, anche se Zirilli ha detto che sarebbe sua speranza che questo svincolo venisse realizzato assieme a questo lotto, visto lo stato progettuale, approvativo, e di finanziamento dello svincolo le possibilità sono due: o la realizzazione del lotto si procrastinerà nel tempo o lo svincolo sarà realizzato in un secondo tempo. Zirilli ha ritenuto “nella norma” l’aumento richiesto per la realizzazione dell’Aurelia bis, anche se spesso la norma è solo del 5%” aggiunge Forzano.

“Per quanto riguarda la bretella in sponda destra (Albissola Marina) ha detto che si deve fare, anche se per la prosecuzione dell’Aurelia bis ha mostrato una bozza, realizzata dalla regione Liguria, in cui la prosecuzione avviene in sponda sinistra (Albisola Superiore) con prosecuzione appena a nord del rilevato autostradale e galleria verso capo Torre. Questa ipotesi comprende un casello autostradale completamente rifatto in mezzo alla confluenza del fiume Sansobbia col rio Basco. Casello di elevato costo, in linea col progetto della Port Autority di Savona per connettere il porto di Savona col casello autostradale di Albisola, attraverso Priamar/corso Colombo/corso Ricci/Aurelia bis”.

“Zirilli ha quindi affermato che questo tronco è un lotto funzionale di un progetto più grande di Aurelia bis, che parte da Legino e va a capo Torre. Sul “progetto più grande” è stato ampiamente contestato da diversi consiglieri comunali di Albisola Superiore e da diverse persone del pubblico. Non esiste un “progetto più grande” di cui questo lotto è una parte: esisteva ma le parti sono state “cancellate”. Pertanto il lotto è “solo” un lotto, e le nuove ipotesi sono solo “ipotesi di massima” non suffragate da nessuna progettazione che vada al di là di un foglio con un tracciato di larga massima, senza affrontare nessuno dei problemi del tracciato, dai pozzi dell’acquedotto, alla falda sotterranea, ai vincoli della villa Gavotti, allo spostamento del casello in centro fiume (vedi Autostrade e finanziamento di un’opera che costa tanto quanto il casello Albamare), al passaggio di corso Mazzini, e così via. Zirilli ha detto di non conoscere il progetto del casello Albamare: mi sono offerto di andare a Genova a spiegarglielo. Il sindaco di Albissola Marina Vicenzi ha detto nuovamente che investe di privato cittadino afferma che l’Aurelia bis così come è progettata non serve a nulla, che come amministratore del comune ha dato l’ok all’avvio dell’opera, ma che la bretella d’argine non si dovrà assolutamente fare” conclude Forzano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Forzano Paolo
    Scritto da Forzano Paolo

    ho dovuto faticare per trovare questa news: INTROVABILE!

  2. sudor
    Scritto da sudor

    Ecco un altro spreco (e che spreco!) da segnalare sul nuovo sito del governo! Anche tutti questi BLA BLA BLA sono uno spreco (braccia rubate all’agricoltura….).