IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Crisi nel Savonese, Pasquale: “Positivo l’export, ma bisogna procedere con i progetti in stallo”

Savona. Dalla crisi si può uscire cogliendo le opportunità di sviluppo sul territorio, senza “se” e senza “ma”. Ne è convinto il presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale, che vede nella realizzazione di progetti come l’ampliamento della centrale vadese Tirreno Power o come la piattaforma Maersk, le vie d’uscita da un momento economicamente difficile che è ormai sotto gli occhi di tutti.

“La situazione economica, nazionale e locale, è delicata, con forti elementi di criticità – premette Pasquale – I problemi stanno diventando strutturali, quindi diminuisce il numero delle imprese attive mentre aumenta quello dei disoccupati. Ci sono però delle opportunità che vanno colte: dobbiamo essere tutti consapevoli che insieme si può uscire dalla crisi, ma portando avanti progetti da troppo tempo stagnanti”.

“Al momento, i dati ci parlano di un export positivo (+ 17% nel 2011) anche se sono prevalentemente le attività manufatturiere che generano questo risultato – continua Pasquale – E’ un buon segnale che va incrementato. Anche il turismo dà indicazioni di crescita per ciò che concerne le presenze straniere. Bisogna coltivare le potenzialità del territorio”.

“Come Camera di Commercio facciamo la nostra parte: sosteniamo la nuova imprenditorialità attraverso bandi dedicati ai giovani e alle donne; abbiamo incentivato le reti di impresa che costituiscono un altro modo per far crescere le imprese dal momento che nel 96% dei casi si tratta di poccole realtà con una decina di addetti. Si tratta di un metodo di aggregazione in visita di uno sviluppo delle stesse. Poi puntiamo sulla promozione all’export, cerchiamo una coesione forte con le istituzioni per concretizzare quelle opportunità utili al territorio: parlo della necessità di un rilancio delgi investimenti e dell’economia, di un clima più favorevole alle imprese e di quei 2 miliardi e mezzo di investimento già iniziati che, se mantenessero tempi di esecuzioni ragionevoli, avrebbero una ricaduta importante”.

“Ci aspettiamo inoltre che il governo prenda provvedimenti immediati per la crescita: nel Savonese, bisogna proseguire con il piano per la piattaforma Maersk; Tirreno Power ha l’autorizzazione necessaria e ora tocca a noi, a livello locale, gestire la fase dei ricorsi e perfezionare l’accordo con la comunità locale; il trasferimento della Piaggio a Villanova d’Albenga è quasi completato e, a breve, partirà l’operazione su Finale. Siamo fiduciosi che i cantieri siano operativi a breve” conclude il presidente della Camera di Commercio di Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.