IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo, il sindaco Briano prepara la giunta: “A metà mandato rimpasto per aprire alle new entry”

Cairo Montenotte. Il sindaco Fulvio Briano si riserva il tempo necessario per comporre l’esecutivo del mandato-bis. “Prenderò il tempo concessomi dallo statuto. Entro il 17 maggio convocherò il Consiglio comunale, che dovrebbe tenersi il 27 per l’insediamento della giunta” spiega il primo cittadino, oggi a Palazzo di Città per l’inaugurazione dedicata alla mostra delle vignette di Gariano.

“Sarà una giunta per il bene di Cairo, rispettosa degli accordi con i partiti che mi hanno sostenuto e dei risultati che per certi versi sono stati eclatanti. Sarà una giunta equilibrata” aggiunge Briano.

La novità, già anticipata, è una rivisitazione dell’assetto della giunta a metà mandato, un “tagliando” per portare a scadenza la doppia legislatura. “Chiuderò questo ciclo decennale – annuncia Briano -. A metà mandato valuteremo di effettuare un rimpasto, così da inserire persone che sino ad oggi non hanno ricoperto ruoli apicali nell’amministrazione comunale”.

“Secondo me occorre essere lungimiranti – spiega il sindaco -. Questo progetto non può cessare fra cinque anni, ma bisogna pensare alla prospettiva, il che significa pensare a persone nuove e giovani. Questo vuol dire pensare ad una giunta per gli ultimi due anni e mezzo”.

Il toto-giunta parte dagli assessori uscenti Stefano Valsetti del Pd, Alberto Poggio della Federazione della Sinistra e Dario Cagnone di Sel, che hanno incassato un buon riscontro di preferenze. Gli altri due per completare la rosa dell’esecutivo dovrebbero essere Graziano Bonifacino dell’Idv e Fabrizio Ghione dell’Udc. Resta l’incongnita di Amatore Morando, il più votato degli indipendenti. Resta anche il posto di presidente del Consiglio comunale cairese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Belisar

    Non intendo il nesso tra le illustri citazioni ed il ruolo del Presidente del Consiglio, per una seduta di 21 persone davvero di infima utilità, e, come ho già scritto, da evitarsi qualora comporti ulteriore spesa pubblica. Poi sul discorso “del salto del fosso” se ne possono dire tante, è chiaro che non si può e non si deve fare di tutta l’erba un fascio, perché di ciascuno spostamento bisognerebbe conoscere bene cause ed intenti. Ora auguriamoci che “la forza di volontà del voler fare” ci mostri che veramente “il meglio comincia adesso”… per tutti i cittadini.

  2. Calimero
    Scritto da Calimero

    Per ciò che concerne i primi tre commenti, mi limito a prendere in prestito qualche pensiero di qualche illustre pensatore.
    1. “Chi rifiuta il cambiamento è un vero e proprio architetto della decadenza e del disfacimento”. Harold Wilson (politico britannico)
    2. “Coloro che non cambiano mai le proprie opinioni si amano più di quanto amano la verità. Joseph Joubert (filosofo francese)
    3. “Dapprima ti ignorano.
    Poi ti ridono dietro.
    Poi cominciano a combatterti.
    Poi arriva la vittoria”
    Mahatma Gandhi (politico indiano)
    4. “Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare” Eraclito (filosofo)
    5. “Non è la specie più forte a sopravvvivere, e nemmeno quella più intelligente ma la specie che risponde meglio al cambiamento”
    Charles Darwin
    D’altra parte anche chi si contrapponeva alla lista che ha meritatamente vinto, mi sembra che sia passatto dalla RIVE GAUCHE alla RIVE DROITE, dunque ….
    E’ la forza di volontà del voler fare, che ha dato ragione a Briano e qui vi lascio un’altro aforisma “L’unico modo per iniziare a fare qualcosa è smettere di parlare e iniziare a fare”
    Walt Disney.
    Per ciò che riguarda invece l’ultimo commento, sono sempre più sconcertato. Forse che era così necessario spendere decine di milioni per un’ospedale a 20 Km da Pria ? “Ma mi faccia il piacere !!!”

  3. Scritto da poliedrik

    ,,tantè cu ghe la féeta,,, “spuncia de sà,,,spuncia de là,,,fà finta de éesse in rutta cun i cumpaggni,,,, mettìse dacordiu cun i regiunali,,,,scundise derè ai-alleati,,,fà finta d’ésse luntan dau piddì,,,” ,,,,a-a fin u ghe l’ha féeta,,,!
    Incassciandu anche quarche incredibbile risultattu in te’n periudu de crisi cumme auù (dui milliuni de euro pe’ rifà ‘é sale uperatorie a Cairu cun quelle d’in Uspeà dea de secundu livéllu cumme a Pria che p’ou mumentui sun stéete suspese,,, ‘pe lascià spassiu a “l’impurtantisscimu” uspeà de muntaggna,,,!

    Roba da matti,,,

  4. Scritto da Belisar

    Condivido il pensiero di “Protesta”. Senza nulla voler togliere a Briano, che indubbiamente deve essere risultato convincente ed affidabile agli occhi dei Cairesi per ottenere un cotal consenso, mi sorprende che si sia riuscito a far una lista esplicitamente appoggiata dai partiti della sinistra, che hanno fatto anche molta campagna a se, innondando le cassette di santini e pieghevoli di partito, nella quale trovano però posto anche tante persone dichiaratamente di destra o provenienti da esperienze molto lontane dalla sinistra… Coerenza elettorale? Meglio perdere l’identià ma stare col vincitore piuttosto che restare coerenti e non vincere mai?

  5. Scritto da Belisar

    Scusate, ma il ruolo di presidente del Consiglio Comunale, officiato in passato dalla Sig.ra Ida Germano, non era stato introdotto dall’amministrazione Briano e poi dalla stessa amministrazione cancellato? Visti i tempi di tagli e ristrettezze spererei di non rivederlo nuovamente introdotto.