IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bandiere blu, l’assessore Berlangieri: “Siamo il simbolo delle vacanze al mare, ora cambio di rotta sulla Bolkstein”

Più informazioni su

Regione. “Oggi è una giornata di festa per la Liguria che migliora il record delle Bandiere Blu della Fee, restiamo ancora il simbolo italiano della Riviera delle vacanze al mare, ma adesso ci vuole la crescita e senza una soluzione per la direttiva Bolkstein che rischia di mandare a gambe all’aria tanti anni di attività delle imprese balneari saranno dolori per la nostra economia”.

Angelo Berlangieri commenta così le 18 bandiere blu assegnate alla Liguria, ma torna sui balneari: “Il governo batta un colpo, al più presto, perché andando avanti così non si potrà più lavorare serenamente sulle politiche turistiche legate alla balneazione” aggiunge Berlagieri.

“E’ presto detto, se si lavora per migliorare l’ambiente, il turismo è il primo a beneficiarne” interviene Renata Briano, assessore all’Ambiente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da secondome

    si parla di auto blu e due autisti a disposizione di Berlangeri. Se lui prendesse il treno come tutti si darebbe da fare per migliorare i collegamenti con Genova(con grande vantaggio anche per il turismo)!!!!
    E con i soldi risparmiati si potrebbe far qualche cosa di più per valorizzare l’entroterra….perchè i turisti non cercano solo la spiaggia.

  2. IronMan
    Scritto da IronMan

    Berlangeri più che di bandiere blu s’intende di auto blu ! l’Assessore esterno scarrrozzato da Finale Ligure avanti ed indietro sino a Genova (quando va bene) ha protetto la casta dei balneari . . . mischiando (come dice bene @rocch) bandiere blu e direttiva europea (che non c’entrano un fico secco..) . . . fossi nei balneari non tirerei la giacca a Berlangeri, ma mi attrezzerei per partecipare all’asta pubblica per le concessioni demaniali. . . nel frattempo aprendo l’accesso alle spiagge al pubblico (notte e giorno), come del resto prevede una Legge regionale in merito . . . e magari facendo tutti gli scontrini e le ricevute per i servizi (ah ah ah ..) offerti . . .

  3. Scritto da rocch

    Non vedo quale correlazione ci sia tra la direttiva ed il mare blu… Bisognerebbe chiarire cosa intenda per crescita…Se intende crescita dimensionale e di struttura la situazione polverizzata attuale va proprio nella direzione opposta…Se per crescita intenda la crescita del comparto, occorre che spieghi come la conservazione dello situazione vigente consenta il raggiungimento dell’obiettivo…A meno di non condizionare la permanenza dell’attuale situazione a fronte di significativi investimenti per lo sviluppo del settore a carico dei licenziatari…

  4. fimbulvetr
    Scritto da fimbulvetr

    Bolscevico illiberale! Le gare aumentano la competizione, per vincerle bisogna offrire migliori servizi, e a prezzi migliori, se possibile.
    Temo che le gare vengano strutturate appositamente secondo la formula del “cambiamo tutto per non cambiare nulla”.
    Le sentenze si rispettano (come piace ricordare ai bolscevichi), allo stesso modo, questo valga per le Norme, comprese le Direttive Europee.