IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Autorità Portuale, Di Tullio replica a Vaccarezza: “Lo smemorato di Loano”

Savona. Se Angelo Vaccarezza ha pungolato Federico Berruti, senza lesinare sull’ironia, Livio Di Tullio non è da meno. La nomina del presidente della Port Authority continua a contrapporre le forze politiche. “Dopo lo smemorato di Collegno abbiamo quello di Loano – dice il segretario provinciale del Pd – Noto nel presidente della Provincia la solita confusione tra ruoli politici e ruoli istituzionali, tra scelte di competenza delle forze politiche e scelte di competenza delle istituzioni: ha dimenticato che per levarsi d’intorno un super assessore della giunta, e per convincerlo a concorrere nella peraltro sfortunatissima campagna elettorale per il Comune di Savona, promise di nominarlo come candidato alla carica di presidente dell’Autorità Portuale e se oggi non ci fosse l’evaporazione del Pdl, lo avrebbe già nominato. In allora non c’era l’opportunità di intendersi tra istituzioni?”.

“Dunque, caro presidente Vaccarezza, non sono stati i Comuni a determinare delle posizioni rigide ma altri – aggiunge Di Tullio – Semmai i Comuni hanno fatto ciò che le norme di Legge impongono loro di fare. Mi pare che in questo Paese sia un bene quando si rispettano le regole. Condivido invece la preoccupazione sul porto di Savona- Vado. La situazione è particolarmente difficile anche rispetto all’infelice congiuntura vissuta dagli altri porti italiani. Facciamo l’esempio della Compagnia Portuale: siamo l’unico porto nel quale si fanno pagare ai figli la morte dei padri, dove il lavoro degli avvocati e della magistratura ha prodotto il risultato che a pagare per i morti d’amianto siano le vittime”.

“In questi ultimi anni il nostro porto ha vissuto un periodo positivo i per quattro condizioni: l’indubbia capacità e dedizione del presidente Canavese, le difficoltà operative del porto di Genova, una congiuntura economica favorevole nella quale gli operatori portuali sono stati bravi ad inserirsi ed i lavoratori a gestirla. Le prime tre condizioni non ci sono più. Quella che abbiamo ancora a disposizione non è scontata: si pensi alle opinioni del Comune di Vado sulla piattaforma; è l’ultima delle quattro”.

Prosegue Di Tullio: “In un momento nel quale dovremo ripensare giocoforza a un modello di sviluppo, mi pare poco saggio attaccare gli enti locali e le loro legittime scelte. Oppure lavorare per altre soluzioni che non potrebbero avere la forza di rappresentare tutti. Al massimo riuscirebbero a portare davvero un commissario in porto, congelando ogni scelta. Penso invece che intorno alla scelta dell’avvocato Gaggero, che non è esattamente un black bloc, si possa ricostruire prima di tutto un clima di concordia e di equlibrio nella rappresentanza degli interessi, non tra destra e sinistra, ma tra istituzioni ed operatori.

“Sono d’accordo con Vaccarezza che bisogna garantirsi da parte della Regione l’esercizio del ruolo di regia del sistema dei porti liguri con la necessaria autonomia del nostro porto e l’impegno a portare a casa la piattaforma. Piattaforma che non arriva perché non si riesce a trovare la strada per sbloccare il finanziamento. Ora sento che è questione di giorni. Speriamo. Se così non fosse forse bisognerebbe pensare di cambiare percorso non l’obiettivo” conclude il segretario del Pd.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Antony

    …giro di Padania…ancora co sto fatto???…… però al giro d’Italia non ho visto nessuno sdraiato per terra…bhe! tanto sprovveduto non lo è, sapeva che lo avrebbero “..sfaltato”…….ma caro Di Tullio, non fare la morale a nessuno, piuttosto……. continua a fareilbravoefidolecxxxxxlodiberruti.

  2. Scritto da maxbilly

    Mi pare di ricordare, dai quotidiani locali, che Di Tullio persegua interessi personali: predere il posto di vice-sindaco…..

  3. fimbulvetr
    Scritto da fimbulvetr

    Egregio signor Di Tullio, il Giro di Padania era regolarmente autorizzato dagli organi dello Stato competenti, lei lo ha interrotto per motivi politici. E’ illegale oltre che moralmente abbietto.
    Le regole, come dice lei, si rispettano sempre, se no poi glielo si deve ricordare che , buon compagno, lei rispetta solo le regole che le piace siano rispettate.
    E’ aberrante sentire da un rappresentante di uno dei maggiori partiti italiani, responsabile di scelte nazionali e locali dagli effetti nefasti ed inernarrabili fare la morale ad altri, indipendentemente dal fatto che siano pari suoi o meno.
    Fatevene una ragione, per una volta non piazzerete un vostro ometto di fiducia, chissenefrega, lo farete al prossimo giro. fatevene una ragione, ma non fate la morale. Vergogna!
    Sul far pagare ai figli . . . , a Savona governate voi da sempre, guardatevi in casa per questi buonissimi risultati.

  4. Scritto da megiucheninte

    Ha perfettamente ragione, non bisogna solo pensare di cambiare percorso ma anche le persone che tale percorso hanno intrapreso.