IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, polemiche sul Consiglio comunale. Il sindaco Avogadro: “Si è solo rispettato il regolamento, l’opposizione dimostra ignoranza”

Più informazioni su

Alassio. “Il Consiglio comunale è stato convocato con sole 24 ore di preavviso perché trattasi, come richiesto dalle minoranze, di un Consiglio comunale urgente che, a termine di regolamento, prevede appunto questa tempistica”. Queste le parole del sindaco di Alassio Roberto Avogadro che precisa in merito alle proteste sollevate dall’opposizione su tempi e modalità nella convocazione del Consiglio comunale.

“Si svolgerà a porte chiuse perché nel punto che si porterà in discussione su richiesta delle minoranze sono citate persone che non sono rappresentate in Consiglio e anche in questo caso il regolamento del Consiglio prevede che quando questo avviene i lavori debbano essere svolti a porte chiuse. Non si tratta quindi di mancanza di trasparenza da parte della maggioranza ma di ignoranza dei regolamenti da parte delle minoranze”.

“Per quanto poi la materia del dibattere c’è ben poco da aggiungere, la parola è in mano alla magistratura a cui abbiamo espresso la nostra massima fiducia, il vice sindaco Luigi Sibelli si è già, dimesso dalla sua carica e auto sospeso da Consigliere comunale dando prova di grande sensibilità e rispetto per le istituzioni e l’elettorato. Tutto il resto sono solo chiacchiere strumentali di chi ha scelto di svolgere in maniera esclusivamente distruttiva il suo ruolo di Consigliere comunale di opposizione” conclude Avogadro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Biagio MURGIA

    L’ex vice-sindaco SIBELLI, si è dovuto dimmettere, altrimenti rischiava l’arresto, perchè i reati che gli vengono contestati, qualora egli fosse rimasto al suo posto, potevano dare origine all’emissione di un provvedimento cautelare in carcere per pericolo di inquinamento delle prove e per pericolo di reiterazione del reato… Altro che senso di responsabilità..