IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Agguato Adinolfi: il coro della Liguria è un no al terrorismo foto

Più informazioni su

Regione. Rappresentanze da tutta la Liguria, Savonese compreso, per dire no al terrorismo nell’ambito della grande manifestazione di piazza contro l’attentato a Roberto Adinolfi e il ritorno della violenza, a Genova. Prima del palco allestito a De Ferrari dove uno dopo l’altro le istituzioni, le associazioni, e il mondo del lavoro faranno sentire la loro voce, si è tenuto l’omaggio alla memoria di Guido Rossa, il sindacalista e lavoratore, ucciso dalla Brigate Rosse 33 anni fa.

“Una grande partecipazione per dire con fermezza no al terrorismo”, sono state queste le prime parole di Sabina Rossa sotto la statua in memoria del padre in largo XII ottobre. “Gli anni ’60 ci hanno insegnato qualcosa. Mi auguro che non ci sia più quella sottovalutazione, la piazza rappresenta una forma di partecipazione democratica che va a contrastate la logica de terrore”. “Ancora una volta vediamo che il fine giustidica i mezzi e l’uomo diventa simbolo da colpire – ha poi sottolineato Rossa – credo che oggi sia una giornata importante, Genova ha una grande tradizione democratica, medaglia d’oro alla resistenza, con una piazza che ha visto molte volte la lotta dei lavoratori”.

Nel gennaio del 1979, 250 mila persone si trovarono nella stessa piazza De Ferrari per Guida Rossa. Oggi non ci sono naturalmente gli stessi numeri ma serve “la stessa determinazione di allora per fermare ogni deriva ideologica perchè nessuna forma di terrorismo possa attecchire”, ha ricordato Sabina Rossa.
Questa non è una guerra, ha ricordato la vicepresindente della Camera, Rosi Bindi.

“La violenza si batte con le armi della democrazia e dell’intelligence. Io rifiuto l’idea di fare un collegamento con la crisi sociale, per non tentare di giustificare. La violenza resta irrazionale, l’obiettivo non è solo lo stato, lo è anche la partecipazione. La violenza – ha sottolineato ripetendo la parola – è nemica sempre dell’interesse dei cittadini e dei lavoratori”.

Sono successe due cose, secondo il presidente della Regione Claudio Burlando: un rifiuto psicologico che si potesse tornare agli anni di piombo e la mancanza di una rivendicazione immediata. “Siamo rimasti un po’ storditi – ha detto il governatore – quando poi è arrivata avremmo voluto subito organizzare una manifestazione, già lunedì, ma mancava il tempo, la presenza di oggi è un segnale forte chiaro, mi auguro non ne servano altri”.

L’attentato all’ad di Ansaldo Nucleare, per cui oggi Genova si è riunita in piazza è stato “un gesto isolato, vigliacco e sciagurato”, come lo ha definito Marta Vincenzi che ha ricordato la vicinanza ad Adinolfi e alla famiglia e ai lavoratori dell’Ansaldo. “Genova, in passato, ha saputo riconoscere la violenza politica, ne ha preso le distanze e saprà farlo anche questa volta”, ha detto la sindaco. “Il nostro patrimonio e la cultura politica in nome dell’antifascsmo ha difeso questa città e ci ha consentito di uscire dai momenti bui della nostra repubblica”.

“Non è possibile fare economia e sviluppo senza considerare la coesione sociale – ha poi ricordato – ma è una storia insegnata solo dalla democrazia, non da gesti simbolici, abbiamo imparato a prenderne le distanza, quei gesti non sono mai a favore dei lavoratori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Orazio
    Scritto da Orazio

    C’è una differenza sostanziale tra il terrorismo dei 70/80 e questo. Gli anni di piombo erano dettati da una ideologia che pretendeva di imporre le idee di 4 sciagurati al resto del paese con gesti eclatanti e sanguinosi. Quello di oggi direi che è mosso da una rabbia ben più diffusa e trasversale, verso politica, istituzioni, e simboli del potere anche finanziario. Dato che la rabbia è più che giustificata, visto il tradimento di tutti i poteri verso il medio cittadino italiano, io dico:”no alla solidarietà verso i terroristi, ma sicuramente un bel …..chissenefrega!”. Chi ha problemi di sopravvivenza personali o come azienda, precari, disoccupati, esodati, pensionati minimi, si pensa davvero che abbiano tutta questa voglia di solidarizzare con lo stato ??