IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pontinvrea, il sindaco Camiciottoli e la giunta decidono di non applicare l’Imu

Pontinvrea. Pontinvrea, piccolo comune del parco del Beigua nell’entroterra savonese (870 anime), un bilancio di circa 1 milione di euro e un parco eolico che ogni anno garantisce al comune i soldi per le piccole opere straordinarie e non. Qui, il sindaco e la giunta comunale hanno deciso di non applicare l’Imu, la nuova tassa sugli immobili. La decisione sarà ratificata nel corso del Consiglio comunale previsto per lunedì prossimo. Il primo cittadino, Matteo Camiciottoli, spera, come da tradizione, che sia votata all’unanimità: “Siamo un piccolo comune e in consiglio non ricordo una decisione non presa con il consenso di tutti”.

“Con questa scelta vogliamo agevolare i nostri residenti – hanno sottolineato sia l’assessore Giovanni Battista Pastorino quanto lo stesso sindaco, eletti in una lista civica – Una facoltà che ci è stata concessa e che decideremo di applicare con il consenso di tutti i consiglieri”.

Ma Matteo Camiciottoli va oltre, e spiega: “Dal mio punto di vista è anticostituzionale, mandino pure un commissario perchè la nostra amministrazione, come fatto per la questione acqua non emettera nessuna delibera”.

Il sindaco è pronto alla “guerra” e spera che anche altre amministrazioni decidano di seguire l’esempio di Pontinvrea e se ciò non dovesse accaredere spera siano i cittadini a chiederlo alle proprie amministrazioni: “Questa non è antipolitica, questa è buona politica”. Ovviamente il comune continuerà ad applicare la vecchia Ici per le seconde case ma spiega Camiciottoli: “Non andremo a mettere le mani nelle tasche dei cittadini di Pontinvrea, questi soldi sono nostri non di Monti, Alfano, Bersani o Casini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Una quantità di lekkini davvero impressionante. Avete la lingua appiccicosa come le rane…ah ah ah!

  2. La Destra Savona
    Scritto da La Destra Savona

    OTTIMA INIZIATIVA!
    Qualora il Comune di Pontinvrea lo desiderasse la nostra Segreteria Provinciale è a completa disposizione per informare circa la ns proposta del Mutuo Sociale che, in quest’ottica di garanzia della prima casa al cittadino, sarebbe il coronamento di un’azione ancor più dalla parte dei residenti. Un caro saluto

  3. goldrake
    Scritto da goldrake

    @Giro, quoto e, come se facessi un copia incolla del tuo post, aggingerei una cosuccia:
    ” DOVE VANNO A FINIRE TUTTI I TESORI CONFISCATI DALLO STATO E QUINDI DI
    SUA PROPRIETA?”.
    Non mi risulta sia stato detto dove vadano a finire tutti quei tesori, siano essi liquidi che solidi.
    @Bandito, non si può escludere che quello che affermi possa essere vero, però se ci fossero
    più giunte coraggiose e meno lec..c.liste non sarebbe più pubblicità ma, risulterebbe solo
    la voce del Popolo Elettore che ha eletto la giunta e che DISSENTE da provvedimenti di un
    governaccio non eletto ma imposto.
    I risultati sono sotto gli occhi di tutti e, purtroppo, non siamo ancora arrivati all’ultimo gradino.

  4. roberto8765
    Scritto da roberto8765

    complimenti al sindaco ..FINALMENTE UN POLITICO CHE STA DALLA PARTE DEI CITADINI!

  5. Scritto da Giro

    Bene, condivido pienamente ed invito tutti gli altri comuni a fare la stessa cosa, almeno fino a quando non ci verrà spiegato chiaramente PERCHE’ c’è questa crisi, da dove viene, chi ne è la causa, come funzionano le banche, che cosa genera il debito pubblico, se e come l’attuale sistema permette la riduzione del debito pubblico, quanto delle nostre tasse vanno a finire NON allo stato e quindi a noi stessi in servizi ma alle banche, e dove vanno a finire tutti gli altri nostri soldi.

    Solo chiarendo i meccanismi (ed enormi speculazioni) ed avendo il controllo dei nostri soldi si potrà risolvere veramente qualcosa, altrimenti siamo come un gregge di pecore spremute e poi portate al macello.

    Se qualcuno sa dire chi ci può dare queste spiegazioni ed un movimento che si faccia carico di divulgarle e di fare proposte alternative lo ringrazio ed invito tutti ad occuparsi di queste cose